Imma Lucà

Imma Lucà è una medium, una scrittrice, un’insegnante di metaspirituologia presso la sua scuola a Como Sulla via della conoscenza animica, espressione dell’Associazione IFStudia ipnosi, telepatia con gli animali e costellazioni famigliari ad approccio immaginale e partecipa a vari programmi televisivi e radiofonici, e a convegni per portare la medianità attraverso la sua esperienzaÈ coautrice di due libri: Dialoghi con la Morte. Tutto ciò che avreste voluto sapere sull’Aldilà Vol. 1Dialoghi con la Morte. I nuovi insegnamenti Vol. 2.
Da tre anni organizza il Convegno Oltre il tempo che per il 2018 sarà il 17 di novembre.

Si racconta così: 

In primis, mi definirei una Ricercatrice, soprattutto, per me stessa. Fin da piccola percepivo l’esistenza di qualcosa di straordinario che dovevo assolutamente scoprire. A partire dai primi ‘Amici invisibili’, che spesso venivano a trovarmi (non è forse normale, per tutti bambini, aver giocato con i propri amici immaginari?), capii che non si sarebbe trattato semplicemente di una sensazione momentanea. Così, più crescevo e più scoprivo in me la voglia di capire e conoscere, desiderio che si alimentava maggiormente a ogni giorno trascorso. Intrattenevo delle vere e proprie conversazioni, mi raccontavano sempre tante cose che riguardavano loro e altre persone che io non conoscevo e, ovviamente, con l’ingenuità di una bambina, non capivo ancora cosa stesse accadendo nella mia vita. Non solo, non comprendevo nemmeno quello che accadesse al mio corpo e alla mie sensazioni, perché mi capitava di provare/percepire strane emozioni: brividi oppure, alle volte, dolori fisici che, probabilmente, mi volevano far sentire per capire al meglio ciò che mi raccontavano riguardo alla loro morte, a volte anche prematura.
Durante la mia crescita sono stati numerosi gli episodi occorsimi. Non nego che ci siano stati dei momenti molto duri in cui, alle volte, mi sono anche chiesta se fossi normale, oppure avessi dei disturbi. Al di là di tutto non mi sono mai sentita sola, nonostante nessuno, compresi i miei amatissimi genitori, potevano comprendere quanto vivessi e il mio disagio. Si aggiunga che la mia educazione è stata cristiano-cattolica e la mia famiglia era molto osservante: per questo a casa mia non si parlava di Medianità, mondi sottili e tutto ciò che concerne il paranormale, l’unico aspetto che conoscevo era legato ai sogni premonitori, attraverso i quali, i miei cari trapassati, comunicavano con mia madre. 
Continuai la mia ricerca da autodidatta con libri e informazioni trovate sul web e piano piano la vita mi ha messo di fronte persone che potevano darmi una mano in questo bisogno di definirmi. Ho seguito corsi che, in qualche modo, potessero aiutarmi nello sviluppo personale. Il tutto partì dall’amore provato per gli Angeli. Da lì mi sono interessata al channeling, dedicata alla lettura delle carte, i tarocchi, la cabala, le sibille, le carte degli Angeli, la numerologia e varie pratiche, in svariati livelli e culture, che trattano la ritualistica, diventando così, alla fine di un lungo percorso, Operatrice olistica.
E poi naturalmente venni a conoscenza dell’Arthur Findlay Spiritualist Collage, a Stansted. Luogo dove mi sono recata più volte e ho potuto frequentare corsi per affinare e migliorare la mia parte medianica e il contatto coi trapassati. A tutt’oggi posso affermare che lì, attraverso le persone che erano presenti per la stessa ragione, ho definitivamente capito di essere una Medium, certo in continua crescita e trasformazione, perché non puoi mai dire di essere arrivata da nessuna parte. Ad oggi sento di avere una spiccata sensitività, una buona visione e un buon contatto con il mondo spirituale. Sento, altresì, che mi aspetta la meraviglia/lo splendore del mio viaggio su questa meravigliosa Terra, con grande Fiducia nei confronti dell’Universo. 
 

Durante il Convegno Andare Oltre. Uniti nella Luce, oltre a offrire gratuitamente la propria consulenza nelle sessioni individuali, condurrà una meditazione con Annunziato Gentiluomo nella mattinata di sabato 20 ottobre e nel pomeriggio proporrà nella Sala Congressi il workshop Accarezzando l’Oltre durante il quale presenterà degli esercizi legati alla percezione e alla facoltà di sentire l’Invisibile. Sarà disponibile per sciogliere, attraverso la sua esperienza, tutti i nodi e le paure che l’Oltre può suscitare. Chiuderà, con altri suoi colleghi, il Convegno impegnandosi in una dimostrazione pubblica di contatti.

 

Contatti:

Associazione IF
Telefono: 3495629626