artinmovimento.com

ARTFORFUN(D), con Operabalôn pezzi unici del Teatro Regio in vendita per un progetto di economia circolare

Teatro Regio

ARTFORFUN(D), con Operabalôn pezzi unici del Teatro Regio in vendita per un progetto di economia circolare Sabato 24 settembre, dalle 12 alle 22, alla Galleria Tamagno (Teatro Regio) di Torino, una mostra mercato di pezzi unici del teatro torinese, sarà l’occasione per presentare il progetto ARTFORFUN(D). ARTFORFUN(D) basa il suo progetto sul riutilizzo virtuoso delle giacenze delle produzioni culturali. Il progetto, vincitore del bando INSIGHT 2015 di Sardegna Ricerche, è nato con l’idea di applicare i valori dell’economia circolare e del “seconda mano” nel mondo della cultura e delle produzioni culturali e artistiche. La compravendita dei “fondi di magazzino” delle…

OperabalônARTFORFUN(D), con Operabalôn pezzi unici del Teatro Regio in vendita per un progetto di economia circolare

Sabato 24 settembre, dalle 12 alle 22, alla Galleria Tamagno (Teatro Regio) di Torino, una mostra mercato di pezzi unici del teatro torinese, sarà l’occasione per presentare il progetto ARTFORFUN(D).

ARTFORFUN(D) basa il suo progetto sul riutilizzo virtuoso delle giacenze delle produzioni culturali. Il progetto, vincitore del bando INSIGHT 2015 di Sardegna Ricerche, è nato con l’idea di applicare i valori dell’economia circolare e del “seconda mano” nel mondo della cultura e delle produzioni culturali e artistiche. La compravendita dei “fondi di magazzino” delle produzioni, è alla base di un meccanismo virtuoso, solleva dai costi di ingombro le imprese, che guadagnano anche dalla vendita delle proprie rimanenze, e crea un nuovo mercato di oggetti d’autore esclusivi.

OperabalônEd è proprio il Teatro Regio di Torino a confermarsi un interlocutore di livello per un progetto come questo. Il Teatro ha difatti aperto i propri magazzini mettendo a disposizione pezzi unici del proprio patrimonio. L’evento, chiamato Operabalôn, ispirato al mercato vintage della città, condurrà il pubblico fra scene, colori e suggestioni del mondo dell’Opera. Saranno messi in mostra una sessantina di pezzi, come i bassorilievi egizi delle scene dell’Aida, oggettistica di arredo per gli allestimenti e il pubblico potrà non solo visionarli, ma anche acquistarli.

Il Teatro Regio, inoltre, premierà uno degli acquirenti con due biglietti per “La Bohème” di Puccini che inaugura la prossima Stagione.

A fronte degli ultimi eventi che hanno scosso il centro Italia, la direzione del Teatro Regio ha deciso di devolvere i ricavati a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto il 24 agosto scorso.

Paolo Ernesto Sussi

[Fonte immagini: teatroregio.torino.it – facebook.com/artforfund]

More in Cultura

Most popular