artinmovimento.com

Celebrate Yourself, il mondo Lgbt in un progetto fotografico di Alice Arduino

31162361_1083714815093533_2660392880098021440_n

Venerdì 4 maggio presso la Galleria del Museo d’Arte Urbana, sito in via Rocciamelone 7 c Torino, si è inaugurata la mostra fotografica di Alice Arduino “Celebrate Yourself”, a cura di Daniele D’Antonio e Edoardo Di Mauro. Alice Arduino è una fotografa di Torino nell’ambito eventi e sport che ogni anno realizza progetti fotografici volti a focalizzare l’attenzione sulle problematiche sociali e culturali. È anche attivista e militante in ambito femminista, lgbt+ e di genere, su cui si concentra la maggior parte dei suoi lavori i suoi lavori. Celebrate Yourself è un progetto fotografico che ha l’obiettivo di raccontare il…

31162361_1083714815093533_2660392880098021440_nVenerdì 4 maggio presso la Galleria del Museo d’Arte Urbana, sito in via Rocciamelone 7 c Torino, si è inaugurata la mostra fotografica di Alice ArduinoCelebrate Yourself”, a cura di Daniele D’Antonio e Edoardo Di Mauro.

Alice Arduino è una fotografa di Torino nell’ambito eventi e sport che ogni anno realizza progetti fotografici volti a focalizzare l’attenzione sulle problematiche sociali e culturali. È anche attivista e militante in ambito femminista, lgbt+ e di genere, su cui si concentra la maggior parte dei suoi lavori i suoi lavori.
AliceArduinoCelebrate Yourself è un progetto fotografico che ha l’obiettivo di raccontare il mondo e la comunità lgbt. Per la realizzazione del progetto sono state fotografate e intervistate 35 persone, che hanno raccontato il loro mondo, hobby, passioni, lavoro, principi e valori, per andare oltre la superficie e la semplificazione delle etichette gay, lesbica, bisessuale, transessuale. Vi sono storie di singoli, coppie, famiglie omogenitoriali con figli avuti da una inseminazione artificiale o da precedenti relazioni.
Tra di loro ci sono giovani, studenti, attivisti, esponenti politici, deejay, vigili urbani, scrittori che hanno fatto coming out, e deciso di raccontare la loro esperienza.

La finalità, ovviamente, è di sensibilizzare maggiormente coloro che ancora rivolgono uno sguardo diffidente al mondo gay, ma anche coloro che, con un approccio aperto, vogliono conoscere e capire qualcosa di piú, e poi aiutare altri ragazzi e ragazze a fare “coming out” attraverso l’esempio personale degli intervistati. Il messaggio che si vuole trasmettere è che è necessario “celebrare se stessi” ogni giorno, essere orgogliosi di ciò che si è. Le storie narrate sono state pubblicate sulle riviste Pride Online, TPI – The Post Internazionale e sul sito Sessualità Positiva della Psicologa Laura Salvai per promuovere il progetto come una espressione di libertà e consapevolezza per “essere se stessi e vivere felici”. Il lavoro è stato presentato e promosso al Cinema Massimo presso il Lovers Film Festival, da poco concluso, e al Parco della Tesoriera presso l’Evergreen Fest nel 2017.

Per trovare persone disponibili a partecipare, Alice Arduino si è appoggiata ad alcune associazioni lgbt+ torinesi: Arcigay “Ottavio Mai”, Circolo Maurice glbt e Sunderam Identità Transgender. Le interviste sono state realizzate
in parchi, a casa delle persone o in ambienti di lavoro a seconda della disponibilità e del tempo. Si parla di stereotipi, pregiudizi e coming out.

Spiega la fotografa: “Il mio obiettivo era raccontare la comunità lgbt+ andando oltre le etichette. Volevo che uscisse fuori la storia delle persone fotografate, i loro hobby, passioni, quello che fanno nel tempo libero, cosa leggono, guardano in tv, al cinema e che musica ascoltano. Chi legge le interviste deve trovare dei punti in comune con loro, familiarizzare, sorridere, commentare perché le cose che ci accumunano e uniscono sono molteplici. Il fatto che poi siano gay, lesbiche, bisessuali e transessuali è una cosa in più, una “etichetta” che gli altri ti attaccano e che non deve influire sul giudizio delle persone”. Se viviamo in una società dove i soggetti vengono spesso etichettati, con questa mostra si cerca di ribaltare questo principio, partendo dalla comprensione e uguaglianza attraverso ciò che si ha in comune con loro. E allora, Michela prima di tutto è una cuoca e pasticcera, Luigi uno studente di giurisprudenza impegnato con i migranti, Mimmo e Alberto sono rispettivamente uno stilista e un impiegato che amano la musica rock anni ’70 e ’80. L’attenzione si sposta su chi sono, cosa fanno, quali sono i loro pensieri, lasciando in secondo piano i loro gusti sessuali che caratterizzano la loro vita.
Il coming out è un altro tema fondamentale del progetto: “uscire allo scoperto”, dire al mondo cosa e chi ti piace non è così scontato per una persona omosessuale. Anche se nel 2018 il clima Italiano è più tranquillo grazie alle unioni civili approvate nel 2016, è ancora necessario ribadire e sottolineare l’importanza del rispetto e di tutto ciò che comporta nel raccontare agli altri chi sei e cosa ti piace. “Viviamo in un mondo dove l’eterosessualità è considerata la normalità e chi non appartiene a questa “categoria” spesso subisce un giudizio negativo. Se la relazione con gli amici è più facile, più complicata può diventare quella con i parenti o sul posto di lavoro. Qui possono nascere le discriminazioni più forti, l’indifferenza e l’allontanamento, portando molta sofferenza in chi la subisce
”.

Fare coming out, diventa pertanto un “atto di coraggio” un percorso di accettazione di sé stessi molto lungo e complesso. Quando avviene, si è pronti a dirlo agli altri, ci si mette letteralmente “in gioco”, affrontando il giudizio del mondo esterno, pur sapendo che le razioni potrebbero compromettersi. A Torino sono 35 le persone che si sono rese disponibili al progetto. “Non è una cosa così scontata e questa mostra lo dimostra. Molti mi hanno detto che non volevano essere fotografate perché i genitori non lo sapevano o perché avrebbero avuto problemi sul lavoro. Altri non erano sicuri perché ancora incerti. Non ho trovato nessuna famiglia arcobaleno disposta a farsi fare una foto, probabilmente per tutelare i figli/e. Questo dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare non solo da parte delle associazioni lgbt+ e dei singoli ma anche delle istituzioni che hanno il dovere di promuovere progetti di sensibilizzazione e diffondere iniziative di rispetto e uguaglianza” dice ancora Alice Arduino.

La mostra sarà esposta per tutto il mese di Maggio. Il 17 del mese, è la Giornata Internazionale Contro l’Omo- cropped-maubanner4Transfobia e per l’occasione si terranno presso la Galleria alcuni dibattiti su tematiche importanti e poco trattate come la lesbofobia, la bifobia e la transfobia. Gli incontri saranno tenuti dalle Associazioni glbt+ Arcigay Torino, Circolo Maurice e Sunderam Identità Transgender. “Ritengo sia importante parlare e analizzare quali siano le forme di discriminazione che le persone glbt subiscono. In casi estremi, ma sempre più spesso, vi sono violenze, omicidi e suicidi. Per questo è necessario capire quali siano le dinamiche relazionali e di bullismo che si attuano verso i soggetti colpiti e le associazioni partner sono le più indicate a raccontarlo perché fatte dalla comunità stessa che si racconta”, conclude la fotografa.

Ampio spazio nella serata conclusiva della mostra, al finissage, con le interviste di alcuni partecipanti al progetto Celebrate Yourself. Si potrà parlare e conoscere le storie narrate in maniera diretta con alcuni dei protagonisti delle fotografie esposte.

Il programma dettagliato di questo mese di esposizione potete trovarlo sul sito www.museoarteurbana.it

Redazione ArtInMovimento Magazine

More in Cultura

More in Dalle associazioni

More in Io e la sessualità

Most popular

Most popular

Most popular