artinmovimento.com

David Crescenzi a Locri per “Rigoletto”

d.crescenzi_2

Il 6 e l’8 agosto, come più volte abbiamo avuto modo di ripetere, la Corte del Palazzo di Città di Locri sarà la location del Rigoletto di Verdi, diretto da Mario De Carlo. Il cast prevede Massimiliano Fichera nel ruolo del titolo. Dirigerà l’Orchestra del Teatro Cilea David Crescenzi, Maestro che vanta una ricca e interessante carriera di livello internazionale, con importanti presenze in teatri d’opera europei e non. Il Cairo, Napoli, Genova, Milano, Bucarest, Cluj, Ancona, Macerata lo hanno ospitato con enorme piacere, data la sua professionalità, la sua competenza e la sua versatilità. Oggi ve lo presentiamo. David Crescenzi…

d.crescenzi_1Il 6 e l’8 agosto, come più volte abbiamo avuto modo di ripetere, la Corte del Palazzo di Città di Locri sarà la location del Rigoletto di Verdi, diretto da Mario De Carlo. Il cast prevede Massimiliano Fichera nel ruolo del titolo.

Dirigerà l’Orchestra del Teatro Cilea David Crescenzi, Maestro che vanta una ricca e interessante carriera di livello internazionale, con importanti presenze in teatri d’opera europei e non. Il Cairo, Napoli, Genova, Milano, Bucarest, Cluj, Ancona, Macerata lo hanno ospitato con enorme piacere, data la sua professionalità, la sua competenza e la sua versatilità.

Oggi ve lo presentiamo.
David Crescenzi è al contempo pianista e direttore d’orchestra e di coro, ed ha iniziato i primi studi presso il Conservatorio di Fermo, diplomandosi successivamente in Strumentazione per Banda, Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro.

d.crescenzi_7Per diversi anni è stato assistente e collaboratore di Alessio Vlad e allievo di Gustav Khun col quale ha frequentato dal 1993 al 1996 i Corsi di perfezionamento “I Pomeriggi Musicali” di Milano.

La sua attività ormai ventennale, lo ha portato a cimentarsi dapprima come pianista accompagnatore e maestro sostituto nei vari Teatri, Festival lirici e attualmente come Direttore d’orchestra e Maestro di Coro sia in Italia che all’estero.

Tra gli impegni più significativi è bene ricordare la sua collaborazione col Teatro dell’Opera de Il Cairo in Egitto dove, in qualità di direttore ospite tra il 1998 ed il d.crescenzi_42003, ha diretto “Il Barbiere di Siviglia”, “L’Occasione fa il ladro”, “La cambiale di Matrimonio”, “Il Signor Bruschino” di G.Rossini, “L’Elisir d’Amore” di Donizetti, “Tosca” di Puccini e “Un Ballo in Maschera” di Verdi. Dal 1999 al 2001 è stato Maestro del Coro presso il Teatro Carlo Felice di Genova. Dal 2002 è  Direttore Ospite Principale presso il Teatro Nazionale di Timisoara dove ha diretto Tosca, Turandot, Boheme e Madame Butterfly di Puccini, Aida, Il Rigoletto, LaTraviata, Nabucco, Il Trovatore, Otello e Un Ballo in Maschera di Verdi, Carmen di Bizet, Cavalleria Rusticana di Mascagni, Pagliacci di Leoncavallo e Barbiere di Siviglia di Rossini.

Nella Stagione 2004/05 è Maestro del Coro presso il Teatro San Carlo di Napoli. Ha collaborato con musicisti solisti di fama internazionale quali Francesco Manara e Simonide Braconi, rispettivamente primo violino e prima viola del Teatro Alla Scala di Milano e  il celebre flautista francese Maxence Lauriell. Per due edizioni (2004/2005) ha diretto la finale del Concorso Pianistico Nazionale del premio “Coppa Pianisti” di Osimo e d.crescenzi_3nel 2005 e 2006 ha diretto il concerto finale del Concorso Internazionale Violinistico “Premio Postacchini” presso la città di Fermo.

Nell’aprile del 2006 inizia la sua collaborazione con l’Opera di Bucarest, per la  quale ha diretto Rigoletto e successivamente Le Nozze di Figaro di Mozart. Nel settembre del 2007 è invitato a dirigere Tosca al Festival Internazionale “G.Enescu” di Bucarest, con un cast  che vedeva protagonisti il soprano tedesco Nadja Michael, il tenore Francisco Casanova e il baritono Franz Grundherberg.

d.crescenzi_8Nella Stagione 2008/’09 ha diretto la Carmen di Bizet presso il Teatro della Fortuna di Fano, il balletto “Rossini Cards” al Teatro delle Muse di Ancona, con L’Ater Balletto di Reggio Emilia, Otello e Un Ballo in Maschera presso l’Opera Nazionale Rumena di Cluj e ancora Otello presso il vecchio Bolshoy di Mosca. Per svariati anni ha preso parte al Festival Internazionale di Timisoara, dove ha diretto Il Barbiere di Siviglia con il baritono Domenico Balzani, La Traviata col soprano Elena Mosuc, Norma di V. Bellini col soprano Nelly Melicioiu, e Nabucco col baritono Carlos Almaguer.

Nel 2008 ha inaugurato la Stagione Lirica dello Sferisterio Opera Festival dirigendo la Cleopatra di Lauro d.crescenzi_5Rossi in prima mondiale in epoca moderna, con la regia di Pier Luigi Pizzi e col Soprano Dimitra Theodossiu protagonista.

Nella Stagione 2009/2010, invitato nuovamente all’Opera di Cluj, ha diretto Rigoletto, Aida e all’Opera di Timisoara ha diretto in forma di concerto Adriana Lecouvreour di Cilea con Nelly Melicioiu e Marianne Cornetti, una nuova produzione di Traviata e Gianni Schicchi con Alberto Rinaldi. Successivamente ha effettuato una tournè di Aida in Olanda e di Trovatore in Germania con la Bergische Symphoniker Orchestra. Nel  2011 ha diretto presso l’opera di Budapest l’Attila di Verdi con protagonista il basso Roberto Scandiuzzi. Al Festival Estivo di Praga, nell’agosto 2011, ha diretto  La Traviata, Nabucco e Turandot.

d.crescenzi_6Nella Stagione Sinfonica 2011/’12 della Filarmonica Marchigiana, ha diretto un ciclo di concerti presso il Teatro delle Muse di Ancona, Teatro Rossini di Pesaro, Teatro dell’Aquila di Fermo e Teatro Gentile di Fabriano, avendo come solista il celebre violinista Uto Ughi. Invitato presso il  Solothurn Opena Air Festival (Svizzera tedesca), vi ha diretto Il Barbiere di Siviglia, La Traviata, Otello e due Galà Lirici.

Dal 2006 è il Direttore del Coro “V.Bellini” di Ancona con il quale lavora presso il Teatro Pergolesi di Jesi, Teatro delle Muse di Ancona e Arena Sferisterio di Macerata. In qualità di Maestro del Coro ha collaborato d.crescenzi_10con direttori quali, Callegari, Bartoletti, Santi, Campanella, Frizza, Arrivabeni, Mariotti, Renzetti, Jurowsky, Bertini. E registi come, Pizzi, De Hana, Abbado, Grazioli, Pier’Alli,  Montressor, Cavani e Ferretti. Negli ultimi anni è stato ed è tuttora direttore Musicale dei Teatri di Timisoara, Bucarest e Iasi in Romania, e attualmente Direttore Artistico del Teatro de Il Cairo in Egitto.
Infatti dal 2013 è Direttore Ospite Principale della Orchestra Sinfonica Nazionale della Radio di Bucarest, per la quale ha diretto il Don Carlo di Verdi in forma di concerto, e il prossimo 10 Settembre dirigerà un Galà Lirico in occasione del Festival Internazionale “G.Enescu”.
Sferisterio-Macerata-Foto-di-Federico-SabbatiniSempre nel 2013 ha diretto all’Opera Rumena di Cluj una nuova produzione di Don Carlo e del Trittico
Pucciniano. A Macerata presso l’Arena Sferisterio ha diretto nel 2014 il Gala per i 50 anni della Sferisterio, dove per l’occasione parteciparono oltre 1600 coristi da tutte le Marche.
In questi giorni, sempre a Macerata, è impegnato nella direzione della Bohème con la celebre soprano Carmela Remigio.
Il prossimo 6 agosto sarò di nuovo al Cairo dove in occasione dell’inaugurazione del raddoppio del Canale di Suez dirigerà l’Aida.

d.crescenzi_9E a breve dirigerà il Rigoletto a Locri. Rispetto a questa esperienza ci racconta: Sono stato coinvolto dal mio amico Mario De Carlo con cui ho realizzato diverse produzioni come Boheme, Barbiere di Siviglia, Nabucco, Adriana Lecouvreur, La traviata, Gianni Schicchi. Dopo Locri a novembre saremo di nuovo insieme per Norma. Ho subito accettato con entusiasmo perché amo il Sud Italia, anche se la Calabria non la conosco proprio; perché il team di lavoro è moltd.crescenzi_11o stimolante; e perché ritengo che un’operazione del genere possa creare in futuro un certo indotto e portare alla nascita di un circuito regionale, da cui sicuramente la professionalità e la qualità artistica troverebbero grande giovamento.

E sulla sua versione della celeberrima opera di Verdi afferma: rispetterò, come mio costume, la partitura, eliminerò acuti inutili e dannosi, specialmente per i giovani interpreti e cercherò di restituire a quest’opera un senso di intimismo e impotenza.
Annunziato Gentiluomo

[Fonti delle immagini: davidcrescenzi.com, rri.ro, youtube.com, cronachemaceratesi.it, anconatoday.it, classicsforpleasure.ro, macerataitinerari.it (Federico Sabbatini ph.), editie.ro]

More in Cultura

Most popular