artinmovimento.com

Federcalcio verso il commissariamento

205017648-9f452431-a25b-4330-8340-d5623cecd94c

Non resta che aspettare che Giovani Malagò faccia le mosse necessarie. La pagina nera del calcio italiano si scrive oggi con la mancata elezione del nuovo presidente della Federcalcio che presuppone l’inevitabile commissariamento da parte del CONI. Non c’è stato verso, una serie di votazioni andate a vuoto che hanno prima estromesso l’ex calciatore Damiano Tommasi e poi portato al ballottaggio i due candidati Cosimo Sibilia e Gabriele Gravina che, però, non sono riusciti ad ottenere la maggioranza semplice dei voti: i delegati dell’Associazione Calciatori e della Lega Nazionale Dilettanti hanno deciso infatti di votare in blocco scheda bianca, imitati…

Non resta che aspettare che Giovani Malagò faccia le mosse necessarie. La pagina nera del calcio italiano si scrive oggi con la mancata elezione del nuovo presidente della Federcalcio che presuppone l’inevitabile commissariamento da parte del CONI. Non c’è stato verso, una serie di votazioni andate a vuoto che hanno prima estromesso l’ex calciatore Damiano Tommasi e poi portato al ballottaggio i due candidati Cosimo Sibilia e Gabriele Gravina che, però, non sono riusciti ad ottenere la maggioranza semplice dei voti: i delegati dell’Associazione Calciatori e della Lega Nazionale Dilettanti hanno deciso infatti di votare in blocco scheda bianca, imitati da altri delegati provenienti da altre associazioni. Il 59% di schede bianche è un segnale inequivocabile delle difficoltà, a nulla sono valse le opere di convincimento fra le parti (Siviglia ha offerto appoggio a Gravina che tuttavia ha rifiutato), soprattutto è chiara la mancanza di un percorso unitario per far ripartire il mondo del calcio dopo l’eliminazione dai prossimi Mondiali.
Tocca al CONI ora, e al suo Presidente (oggi a Roma a presiedere l’insediamento di Mauro Berruto come nuovo Direttore Tecnico FITARCO), risolvere il vuoto di gestione con il commissariamento che sarà annunciato nelle prossime 48 ore, un provvedimento che potrà durare un minimo di 90 giorni, ma anche molto di più a seconda di come sarà sbrogliata questa matassa. Vedremo chi Malagò identificherà per gestire questa crisi, il commissario potrebbe essere il Segretario Generale CONI Roberto Fabbricini, ma anche l’attuale direttore generale della Federcalcio, Michele Uva. Al commissario spetterà da subito la scelta del nuovo commissario tecnico, in ballo ci sono nomi prestigiosi: Mancini, Ancelotti, Conte, Ranieri.

Elena Miglietti

More in cinema

More in Cultura

Most popular