artinmovimento.com

“I giganti della montagna” al Festival del Teatro Classico

portigliola-e1532008323700

Archiviata con successo l’anteprima affidata a Elisabetta Pozzi, la stagione  2021 del Festival del Teatro Classico Tra Mito e Storia entra nel vivo con il gradito ritorno sul palco dei talenti della Scuola Cinematografica della Calabria. Domani, lunedì 19 luglio, alle ore 21:30, andrà infatti in scena I giganti della montagna, dramma di Luigi Pirandello adattato e diretto dal regista locrese Bernardo Migliaccio Spina, nel quale un gruppo di disadattati troverà rifugio in una villa chiamata La Scalogna, all’interno della quale incontrerà la compagnia della contessa, gruppo di attori in procinto di mettere in scena la pièce teatrale (anch’essa di…

Programma Portigliola FestivalArchiviata con successo l’anteprima affidata a Elisabetta Pozzi, la stagione  2021 del Festival del Teatro Classico Tra Mito e Storia entra nel vivo con il gradito ritorno sul palco dei talenti della Scuola Cinematografica della Calabria. Domani, lunedì 19 luglio, alle ore 21:30, andrà infatti in scena I giganti della montagna, dramma di Luigi Pirandello adattato e diretto dal regista locrese Bernardo Migliaccio Spina, nel quale un gruppo di disadattati troverà rifugio in una villa chiamata La Scalogna, all’interno della quale incontrerà la compagnia della contessa, gruppo di attori in procinto di mettere in scena la pièce teatrale (anch’essa di Pirandello), La favola del figlio cambiato. Il mago Cotrone suggerirà allora alla contessa che guida la compagnia di attori dandole il nome, di andare a rappresentare l’opera dinanzi ai giganti della montagna, uomini dal potere immenso presso i quali sarà richiamato il principio di metateatro usato da Pirandello in diverse sue opere.
I personaggi de I giganti della montagna si lasceranno trasportare come bambini dalle parole del mago Cotrone, che regala spremute di concetti e delinea la consistenza delle maschere facendo vivere la poesia nelle emozioni degli spettatori. La villa della Scalogna, dunque, rappresenterà un contenitore di Umanità, il dietro le I giganti della montagnaquinte in cui i personaggi potranno finalmente raccontarsi all’autore con tutte le loro loro fragilità e paure. I personaggi porteranno in scena l’energia che si esprime nella trasformazione, quel passaggio tra l’infanzia e l’età adulta in cui la vita inizia a chiedere il conto e a mostrarsi definitiva, il punto mediano tra religione e bellezza.
L’evocativa rappresentazione, interpretata da Francesco Origlia, Marilena Futia, Annalisa Giannotta, Giuseppe Sgambellone, Rinaldo Marzano, Fabiola Schirripa, Salvatore Galluzzo, Mariachiara Spadari e Yonoris Marizan, sarà resa ulteriormente suggestiva dalle scenografie ideate da Kelevra e dalle musiche originali di Carlo Frascà, due elementi in grado di valorizzare al meglio l’estro del regista di Malanova – storia di amore e magia, L’uomo del gas e del docu-film Uvafragola, che ha scelto per il terzo anno il nostro Festival per la prima della sua nuova opera teatrale.
Ricordiamo che, a causa delle norme imposte dalla pandemia, l’accesso al pubblico sarà limitato. È consigliato pertanto l’acquisto dei biglietti in prevendita.
Redazione di ArtInMovimento Magazine

More in cinema

More in Cultura

Most popular