artinmovimento.com

I premiati dell’OIFF 2015…

Mauro Russo cine

Si è conclusa la sera del 3 agosto, la prima edizione dell’OIFF – Online International Film Festival. L’evento ha riscosso un grande successo. Sono arrivati 116 film da ogni parte del mondo che hanno concorso per oltre dieci giorni in varie sezioni, afferma Mauro Russo Rouge, ideatore dell’evento. Passando ai premiati, rispetto alle due categorie in concorso, il miglior cortometraggio è stato Dead drop del regista scozzese Carter Ferguson, al quale va il premio in denaro di 200 dollari. Il miglior trailer è stato, invece, Dox del regista inglese Danny Cotton, al quale va il premio in denaro di 100 dollari. Per quanto riguarda la categoria non in concorso,…

Logo OIFF EffectsSi è conclusa la sera del 3 agosto, la prima edizione dell’OIFF – Online International Film Festival. L’evento ha riscosso un grande successo. Sono arrivati 116 film da ogni parte del mondo che hanno concorso per oltre dieci giorni in varie sezioni, afferma Mauro Russo Rouge, ideatore dell’evento.

Passando ai premiati, rispetto alle due categorie in concorsoil miglior cortometraggio è stato Dead drop del regista scozzese Carter Ferguson, al quale va il premio in denaro di 200 dollari.

Il miglior trailer è stato, invece, Dox del regista inglese Danny Cotton, al quale va il premio in denaro di 100 dollari.

Mauro Russo 1Per quanto riguarda la categoria non in concorso, il gran premio della giuria è andato ex-aequo a Polish hope del francese loic Pottier per l’estrema qualità estetica e una regia vera che ha enfatizzato con efficacia il dramma della storia; e a Manos arriba dell’australiano Andrew Seaton per l’originalità della storia, ricca di colpi di scena sin dalle primissime battute e la grande interpretazione del suo attore protagonista, riporta Matteo Valier, fra gli organizzatori del festival.

La menzione d’onore ArtInMovimento Magazine va a Rue de fleurs di Till Giermann con la seguente motivazione: Consegniamo la menzione d’onore ArtInMovimento Magazine a Rue de fleurs per la delicatezza espressiva, l’estetica surreale, il lirismo e la capacità di rappresentare, in uno “spazio” atemporale, la precaria condizione umana che oscilla tra solitudine e speranza, tra ricordi, sogni e ansie.

Bilancio super positivo per OIFF 2015 che dà già appuntamento alla seconda edizione del festival che si terrà a Gennaio 2016.

E noi seguiremo con grande attenzione l’OIFF WINTER EDITION da cui ci attendiamo grandi cose.
Annunziato Gentiluomo

More in Cultura

Most popular