artinmovimento.com

Il programma della quinta giornata del Torino Underground Cinefest

LOGO_TUC

Dopo le prime quattro giornate, il Torino Underground Cinefest, proposto dall’Associazione Culturale SystemOut e dell’Università Popolare ArtInMovimento, patrocinato dalla BIMED e diretto dal regista Mauro Russo Rouge, giunto alla sua ottava edizione, prosegue oggi, 6 settembre, con la proiezione di otto film all’Ambrosio e dieci al Baretti, e con quattro Questions&Answers registrati, due  al primo e due al secondo. L’orario di inizio per entrambe le sale è alle 17.20. All’Ambrosio Cinecafè si inizierà con uno slot di cortometraggi che comprende l’irlandese “The cocaine famine” di Sam Mcmullen (fuori concorso), e gli italiani “I am Matteo / Io sono Matteo” di Loris Di Pasquale e “Dream” di Davide Vigore (Italia). Alle ore…

Amigo-posterDopo le prime quattro giornate, il Torino Underground Cinefest, proposto dall’Associazione Culturale SystemOut e dell’Università Popolare ArtInMovimento, patrocinato dalla BIMED e diretto dal regista Mauro Russo Rouge, giunto alla sua ottava edizione, prosegue oggi, 6 settembre, con la proiezione di otto film all’Ambrosio e dieci al Baretti, e con quattro Questions&Answers registrati, due  al primo e due al secondo. L’orario di inizio per entrambe le sale è alle 17.20.

All’Ambrosio Cinecafè si inizierà con uno slot di cortometraggi che comprende l’irlandese “The cocaine famine” di Sam Mcmullen (fuori concorso), e gli italiani “I am Matteo / Io sono Matteo” di Loris Di Pasquale e “Dream” di Davide Vigore (Italia). Alle ore 18.25 sarà proposto, come proiezione speciale, Il tratto mancante di Riccardo Roan quale omaggio a Libero De Rienzo, prematuramente morto all’età di 44 anni il 15 luglio scorso. Alle 18.45 sarà proiettato il iltrattomancantev-webdocumentario americano “The Man of The Monkey” di David Romberg e alle 20.25 sarà la volta di “Amigo” di Óscar Martín (Spagna), alla fine del quale verrà proposto il Q&A registrato col regista. Concludono la serata il cortometraggio americano “Wound Riders” di Angel Barroeta alle ore 22.20, seguito dal Q&A registrato col regista, e il documentario italiano “Paolo Rossi: Dreams Create the Future” di Michela Scolari e Gianluca Fellini.

Pure al CineTeatro Baretti si comincerà con uno slot di quattro cortometraggi che sono l’estone “About love” di Girlin Bassovskaja, l’inglese “Roadkill” di Leszek Mozga (entrambi fuori concorso), “View from above” di Eugene Izraylit (Russia) e “Quiet” di Barbara Zemljič (Slovenia). Alle 18.15 sarà proiettata la commedia francese “Sick Birds” (“Le Mal Bleu”) di Anaïs Tellenne e Zoran Boukherma, a cui succederà il Q&A registrato con la regista. Alle 19.00 sarà la volta del documentario tedesco “A Donkey Called Geronimo” di Arjun Talwar e Bigna Tomschin mentre alle WHAT-REMAINS-AFTER-WERE-GONE20.35 “Silenced tree” di Faysal Soysal (Turchia), seguito dal Q&A registrato col regista. Alle 23.00 concludono la serata tre cortometraggi “The cloud is still there” di Mickey Lai (Malesia), “Chien de garde” (“Guard dog”) di Angelini Sarah (Francia) e “Quando O Vento Bate Ao Sul” (“When The Wind Is Southerly”) di Pedro Henrique Ferreira (Brasile).

Nella giornata di ieri è stata attribuita la Menzione Speciale ArtInMovimento Magazine, proposta dalla redazione della testata main media partner del TUC, al documentario canadese What remains after we’re gone di Nicolas Lachapelle per la sua capacità di portarci dentro la narrazione, al centro della quale vi è la ricerca della verità storica di ciascuno di noi. In questo viaggio si fa spazio una riflessione sensoriale e filosofica che tocca il rapporto stesso col passato che si personifica in uno spazio materiale, dove la casa diventa metafora di una condizione e specchio dell’essere. Tracce, ricordi, memorie protagonisti di un gioco animico di presenza-assenza. Lirico, emozionale, evocativo e al contempo concreto.

Paolo-Rossi-Dreams-Create-the-Future-posterSi evidenziano le prime due talks con professionisti del settore, proposte dal TUC presso la sede del main-partner culturale la Scuola Di Arti Digitali Event Horizon, sita in via Sebastiano Caboto, 18/A Torino, ovvero “Approccio alla recitazione” – Parte 1 con l’attore Andrea Zirio (dalle ore 10.30 alle ore 11.30) e “Guardare i film” col critico cinematografico Alessandro Amato (dalle 11.30 alle 12.30).

Si ricorda che è attiva la versione on demand sul canale dedicato Vimeo, a cui si può accedere attraverso il seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-torino-underground-cinefest-on-demand-format-168093204299.

Si rammenta, inoltre, che i mediapartner dell’evento sono, accanto ad ArtInMovimento Magazine, Sentieri Selvaggi, CameraLook, La Settima Arte, Cinematographe.it, Cinema4Stelle, Taxidrivers, FucineMute, Central Do Cinema, Der Zweifel, Fotogrammi, Psycofilm, Italia Che Cambia, Piemonte Che Cambia, MusiCulturA online, ArtApp, TorinOggi, Italy in the World ed Elastic Media News.

Si configurano, come partner culturali, Event Horizon, Forword, Realeyz, Uam.Tv, il Circolo del cinema di Tortona, il CineTeatro Baretti, l’Ambrosio Cinecafè e FilmFreeway.

Un’altra giornata che si preannuncia ricca… Da non perdere!
Chiara Trompetto

More in cinema

More in Cultura

Most popular

Most popular

Most popular