artinmovimento.com

In cerca di storie al Forum Vini di Monaco di Baviera

fv18-logo_dt_en_620

Chi ci legge e ci conosce ormai sa che parliamo spesso di eventi legali al mondo del cibo e del vino. Non siamo però critici gastronomici né esperti, ma ci piace andare in cerca di persone, e di storie, interessanti. Nel fine settimana appena trascorso si è tenuto a Monaco di Baviera il Forum Vini, fiera internazionale dedicata principalmente al vino, ma non solo (chi scrive ha pubblicato qualche foto dalla fiera con l’hashtag #nonsolovini che sembrava ben riassumere il contenuto dell’evento). Gli espositori, ospitati nei padiglioni della MOC, erano per la maggior parte distributori, enoteche, negozi, ristoranti, o distributori…

fv18-logo_dt_en_620Chi ci legge e ci conosce ormai sa che parliamo spesso di eventi legali al mondo del cibo e del vino. Non siamo però critici gastronomici né esperti, ma ci piace andare in cerca di persone, e di storie, interessanti.
Nel fine settimana appena trascorso si è tenuto a Monaco di Baviera il Forum Vini, fiera internazionale dedicata principalmente al vino, ma non solo (chi scrive ha pubblicato qualche foto dalla fiera con l’hashtag #nonsolovini che sembrava ben riassumere il contenuto dell’evento).
Gli espositori, ospitati nei padiglioni della MOC, erano per la maggior parte distributori, enoteche, negozi, ristoranti, o distributori con vendita on-line. Ma girando tra gli stand la nostra attenzione è stata attratta da alcune realtà produttrici che ci sono sembrate interessanti, e i cui prodotti sono a nostro parere prodotti di qualità.
Ve li presentiamo qui, senza avventurarci in una valutazione tecnica, ma lasciandovi semplicemente le nostre impressioni e suggestioni.

IMG_20181109_211054_852Riegele Brau Welt
Siamo pur sempre in Germania, anzi in Baviera, terra di birra per eccellenza, e questo birrificio di Augusburg (Augusta era il nome latino) ne è un esempio perfetto. L’azienda è entrata dal 2006 nella 28esima generazione di conduzione da parte della famiglia Priller. La produzione affonda le radici nella tradizione, ma si distingue anche con alcuni prodotti particolari, frutto di ricerca nella materia prima e nel tipo di lavorazione. Abbiamo provato la “Ator 20″, birra scura con una lunga fermentazione a basse temperature. La parte spettacolare è stato il modo in cui ci è stata servita, cioè dopo una rapida immersione nel bicchiere di un’asta metallica riscaldata sulla fiamma. L’effetto è quello di far montare la schiuma, che assume una consistenza simile a quella che ha reso famosa l’irlandese Guinness per intenderci, e di conferire alla birra il gusto appena accennato di caramello. Un’esperienza sensoriale capace di farsi ricordare. Sicuramente andremo a far visita al birrificio di Augsburg quanto prima, e non mancheremo di raccontarvi qualcosa di più.

ViaboschiJpeg
Si tratta di una casa vinicola piccola, cinque ettari di vigneti in tutto, che si trovano nel comune di Refrontolo, in provincia di Treviso. Questo produttore ha portato in fiera il suo Prosecco di Valdobbiadene DOCG, presentandosi al pubblico tedesco con una citazione nientemeno che di Goethe, che diceva “La vita è troppo breve per bere vini mediocri”. Il vino prosecco è molto apprezzato dai consumatori tedeschi, ciò nonostante non è facile trovare vini di questo tipo davvero di qualità. La fiera rappresentava per questa piccola casa vinicola un’opportunità per ampliare il proprio mercato e noi speriamo di poterne presto trovare le bottiglie presso qualche rivenditore monacense.

IMG_20181111_163716_924Agriturismo Colle Sant’Angelo
L’incontro in fiera è stato con Lucio, che ci aspettava con la bottiglia pronta a riempire i nostri calici da assaggio. Il suo vino è un “Rosso Frusinate IGP” che ha appena ottenuto (per l’annata 2017 che sarà imbottigliata a breve) la denominazione DOCG come Cesanese del Piglio. Il vitigno Cesanese è un autoctono di una piccola area che comprende una manciata di comuni della Ciociaria. L’agriturismo Colle Sant’Angelo si trova a Serrone in provincia di Frosinone, e ha una storia che parte da lontano, dal nonno e dal padre di Lucio, una famiglia di viticoltori e agricoltori e una tradizione che continua, con la produzione anche di olio e la coltivazione di prodotti assolutamente bio (dal prossimo anno ci sarà anche il marchio ufficiale che riconosce la produzione biologica). Due parole per riassumere questo incontro: semplicità e passione.

Agriturismo antico baglioJpeg
Scendiamo ancora, attraversiamo il Tirreno e arriviamo in Sicilia, in provincia di Trapani. Qui, a una decina di kilometri dal mare, si trova questo agriturismo a conduzione familiare e femminile, dove madre e figlia sono impegnate nella produzione di olio e, marginalmente, di vino Nero d’Avola. Oltre a questi due prodotti, ciò che abbiamo assaggiato in fiera sono le marmellate, quella di fichi e poi tre tipi diversi di agrumi, tra cui spicca la quella di limoni, davvero sorprendente. Anche qui, in linea con quella che è certamente una tendenza attuale, ma anche una filosofia che valorizza la qualità e la genuinità dei prodotti, parliamo di produzioni bio e casalinghe, come si usa dire “a kilometro zero”. L’azienda agricola, inoltre, è stata inserita nel 2016 tra i Presìdi Slow Food per l’Olio Extravergine di olive della qualità Cerasuola.
In fiera l’azienda era rappresentata da amici italiani che vivono a Monaco, che sono stati capaci di trasmetterci un’ammirazione genuina sia per i prodotti che – soprattutto – per le persone che conducono questo agriturismo.

Chiara Trompetto

More in Alimentazione

More in Cultura

Most popular

Most popular