artinmovimento.com

Innovazione nelle biblioteche scolastiche: il MIUR destina 5 milioni di euro per l’alfabetizzazione informativa

Biblioteche scolastiche innovative

Biblioteche scolastiche aperte al territorio, attive anche al di fuori dell’orario scolastico e fruibili da tutti, studenti, cittadini e famiglie: il bando, online sul sito del Ministero, è atto a promuovere l’evoluzione delle biblioteche scolastiche in strutture innovative che diventino “luogo di promozione alla lettura e all’educazione all’informazione, anche attraverso il prestito di testi in formato digitale” e “ incentivo all’informatizzazione del loro patrimonio, dotandosi di abbonamenti online a riviste e quotidiani”. Alla partecipazione sono ammesse scuole statali di ogni ordine e grado, dall’infanzia alla scuola secondaria e ogni progetto ammesso al finanziamento riceverà fino a 10mila euro che, stanti…

Scuola digitaleBiblioteche scolastiche aperte al territorio, attive anche al di fuori dell’orario scolastico e fruibili da tutti, studenti, cittadini e famiglie: il bando, online sul sito del Ministero, è atto a promuovere l’evoluzione delle biblioteche scolastiche in strutture innovative che diventino “luogo di promozione alla lettura e all’educazione all’informazione, anche attraverso il prestito di testi in formato digitale” e “ incentivo all’informatizzazione del loro patrimonio, dotandosi di abbonamenti online a riviste e quotidiani”.

Alla partecipazione sono ammesse scuole statali di ogni ordine e grado, dall’infanzia alla scuola secondaria e ogni progetto ammesso al finanziamento riceverà fino a 10mila euro che, stanti i 5 milioni di investimento, potrebbero “innovare” quasi 500 biblioteche.

La volontà di questo bando è decisamente chiara, ossia cercare di strutturare queste biblioteche come nuovi centri di aggregazione e alfabetizzazione informativa, integrando servizi di facile accesso, compresa la fruizione, comprensione e valutazione dei contenuti resi disponibili, anche attraverso l’informatizzazione del proprio patrimonio.

L’elemento sicuramente interessante è dato dall’apertura al pubblico di queste strutture, prima prettamente scolastiche: il bando vuole incentivare la possibilità dell’’utilizzo degli spazi e delle risorse informative delle scuole al fine di aumentare la promozione dell’educazione all’informazione e all’alfabetizzazione informativa, anche contrastando la dispersione scolastica.

Se volete scaricare il bando o avere ulteriori informazioni, potete consultare questo link.

Paolo Ernesto Sussi

[Fonte immagini: corrierecomunicazioni.it – strategieammistrative.it]

More in Cultura

Most popular

Most popular

Most popular