artinmovimento.com

On line il trailer di “IRA”, il terzo film del regista torinese Mauro Russo Rouge

IRA_foto_1

È on line dal primo di giugno il trailer del terzo film di Mauro Russo Rouge, IRA che ruota intorno a due figure (un ragazzo e una ragazza) che s’incontrano e si legano fino a compiere un gesto estremo. 83 minuti che si sono costruiti in modo spontaneo, libero, come risultato della sinergia tra gli attori, e tra questi ultimi e il regista e il contesto che occupavano, una realtà urbana che non sempre permette ai giovani di potersi esprimere. Solo un’idea che si modificava e si attualizzava in risonanza col vissuto emotivo dei protagonisti, Samuele Maritan e Silvia Cuccu, affiancati…

IRA_posterÈ on line dal primo di giugno il trailer del terzo film di Mauro Russo Rouge, IRA che ruota intorno a due figure (un ragazzo e una ragazza) che s’incontrano e si legano fino a compiere un gesto estremo.
83 minuti che si sono costruiti in modo spontaneo, libero, come risultato della sinergia tra gli attori, e tra questi ultimi e il regista e il contesto che occupavano, una realtà urbana che non sempre permette ai giovani di potersi esprimere. Solo un’idea che si modificava e si attualizzava in risonanza col vissuto emotivo dei protagonisti, Samuele Maritan e Silvia Cuccu, affiancati da Matteo Valier. La colonna sonora originale è firmata da Aram Jean Shahbazians.
La pagina ufficiale FB del film è qui, mentre il trailer in italiano qui.
IRA_foto_2Una storia tutto sommato semplice, reale, autentica, possibile, che chiunque può aver vissuto o trovarsi a vivere. Un ragazzo incontra una ragazza. Lui lavora ai mercati, lei invece è una prostituta di strada. Tra i due nasce una fortissima complicità che li condurrà a compiere un gesto estremo. Sullo sfondo, una metropoli fatiscente e desolata.
IRA ha inoltre già prestato dei fotogrammi per la realizzazione del videoclip di Lullaby dei Piuma IRA_07Makes Noise.
Mi sento profondamente legato a questo terzo film, più degli altri due, nonostante sia nato dal nulla. Non c’era un soggetto, non una sceneggiatura su cui lavorare. Forse un’idea, seppur ambigua. L’unica certezza era quella di sentire l’esigenza di girare qualcosa, dopo i primi due thriller, che non fosse troppo psicologico. È stato a quel punto che ho incontrato Samuele e Silvia, due giovani IRA_08ventiduenni, e ho cominciato a seguirli. Per mesi siamo stati insieme, sono stato con loro, in mezzo a loro. Ho ripreso qualsiasi cosa facessero o dicessero. Sulla base di questo studio è nata la storia. Moltissime ore di girato, situazioni estremamente reali, molte delle quali sono state estremamente imbarazzanti ed estenuanti. Nervi che son saltati un po’ a tutti. Sono stato costretto a congelare le IRA_09riprese per circa un mese poiché non si trovava più l’attrice, o meglio, non voleva più continuare in questa impresa che, nella sua follia, aveva qualcosa da dire.
Lo ripeto con grande entusiasmo: “sono profondamente legato a questo film”, ma soprattutto a quei mesi di lavorazione durante i quali ho avuto il grande privilegio di IRA_10osservare attentamente una generazione per me fino ad allora pressoché sconosciuta. Ho appreso tante cose, mi hanno regalato delle emozioni indescrivibili e di questo li ringrazio. Adesso il film è pronto. Speriamo di divertirci, afferma il regista Russo Rouge.
Siamo soddisfatti del risultato finale e felici per questa nuova co-produzione di ArtInMovimento, dichiara il presidente Annunziato Gentiluomo.
Noi lo abbiamo già visto in una primissima per pochissimi intimi… Proprio un bel prodotto! Dopo Censurado e Aberrante, Russo Rouge ha saputo esprimere intimità e tenerezza, e colorare di freschezza qualche pagina del suo film.

Odette Alloati

More in Cultura

More in Dalle associazioni

Most popular

Most popular