artinmovimento.com

Perché frutta e verdura prevengono le malattie cerebrovascolari?

frutta-verdura

Da qualche tempo, sentiamo dire che la frutta e la verdura sono fondamentali per il nostro benessere globale, veri e proprio toccasana per la nostra salute. Recenti studi effettuati dai ricercatori del Qingdao Municipal Hospital, in Cina, hanno dimostrato che più è alto il consumo di frutta e verdura, meno possibilità ci sono di riscontrare malattie cerebrovascolari. La chiave sta nel fatto che la frutta e la verdura sono ricche di antiossidanti, i quali sono in grado di combattere i radicali liberi. I radicali liberi sono delle molecole prodotte dal nostro organismo o da fattori esterni, i quali vanno a…

verdura1Da qualche tempo, sentiamo dire che la frutta e la verdura sono fondamentali per il nostro benessere globale, veri e proprio toccasana per la nostra salute.
Recenti studi effettuati dai ricercatori del Qingdao Municipal Hospital, in Cina, hanno dimostrato che più è alto il consumo di frutta e verdura, meno possibilità ci sono di riscontrare malattie cerebrovascolari.
radicali-liberiLa chiave sta nel fatto che la frutta e la verdura sono ricche di antiossidanti, i quali sono in grado di combattere i radicali liberi. I radicali liberi sono delle molecole prodotte dal nostro organismo o da fattori esterni, i quali vanno a danneggiare le strutture cellulari e causano infiammazioni. Da qui è facile capire l’importanza degli antiossidanti nella nostra dieta quotidiana. Questa “medicina naturale” abbatte di molto l’incidenza dell’ictus e delle malattie cerebrovascolari in genere, poiché riduce la pressione sanguigna.

Detto ciò, si evince che vanno ridotte drasticamente le proteine animali, le quali aumentano la pressione sanguigna e l’apporto di grassi e calorie.

In tal proposito, citiamo un breve estratto dell’intervista che il professor Carlo Caltagirone, direttore scientifico dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma, ha rilasciato al Sole 24 Ore. Il professore, al quesito riguardante rapporto tra alimentazione e malattie degenerative, risponde: “Sono molti gli errori in materia, prima e dopo. Per prevenire le malattie cerebrovascolari bisogna abbandonare le cattive abitudini, ridurre i grassi animali e seguire una dieta ricca di vegetali verdi, antiossidanti. Uno sbaglio comune a molti anziani è quello di “cavarsela”, dopo una certa età, con una cena costituita da una tazza di latte e biscotti. Niente di più sbagliato. La dieta mediterranea con un contributo bilanciato di proteine è insostituibile, anche di sera”.
Divulgare e informare sono gli strumenti più potenti che abbiamo per far aumentare il consumo di frutta e verdura nella nostra società. I vantaggi sono molti e spesso si sposano anche con l’etica di non andare a infierire su altre razze animale. La natura ci fornisce tutto ciò di cui noi abbiam bisogno, sta a noi coglierlo e scegliere di conseguenza.
Adriano Cirillo

 

[Fonti delle immagini: http://4.bp.blogspot.com/-HumSOukgI1E/UKC0aAOJKzI/AAAAAAAABc0/lwZT5Y0jr-g/s1600/frutta-verdura.jpg, http://blog.pianetadonna.it/economiadomestica/wp-content/uploads/2010/11/verdura1.jpg e http://media-benessere4.atuttonet.it/wp-content/uploads/2011/11/radicali-liberi.jpeg]

More in Cultura

Most popular

Most popular