Month: December 2017

 

Il Piccolo Principe in scena al Teatro Gobetti di Torino

02_aviatore_IMG_9171 intMartedì 2 gennaio 2018, alle ore 19.30, al Teatro Gobetti – Sala Pasolini, andrà in scena Il Piccolo Principe – U Principuzzu Nicu. Il Piccolo Principe in versi siciliani e italiani, liberamente tratto da Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry, testo e regia di Giovanni Calcagno.
Lo spettacolo è interpretato da Giovanni Calcagno, Luca Mauceri, Salvatore Ragusa, le musiche sono di Luca Mauceri, le scene di Salvatore Ragusa, Ignazio Vitaliù, i costumi di Miriam Del Campo e le luci di Cosimo Pirata. Il Piccolo Principe sarà replicato al Gobetti – Sala Pasolini, per la Stagione in abbonamento del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, fino a domenica 7 gennaio 2018. La storia dell’incontro in mezzo al deserto tra un aviatore e un principe che è arrivato sulla Terra dallo spazio: una storia per famiglie fatta di amicizia, purezza di sentimenti, autenticità. Un emozionante percorso logo3.teatro stabile torinopoetico, realizzato da Giovanni Calcagno. Quando si legge Il Piccolo Principe, ci si chiede spesso se sia una favola scritta per gli adulti o per i ragazzini. Questa ambiguità rende il racconto misterioso e inafferrabile: i viaggi dell’aviatore e del piccolo principe infatti, non sono solo spostamenti geografici o interstellari, ma anche esplorazioni nei mondi interiori dell’uomo. Tutto ciò ci è stato trasmesso da Antoine de Saint-Exupéry, attraverso una storia che è semplice come i racconti dei nostri nonni. La semplicità è uno degli aspetti del testo originale che Giovanni Calcagno ha voluto maggiormente salvaguardare in ogni capitolo di questa grande opera. Ne è venuto fuori un testo teatrale che interpreta insieme a Luca Mauceri, anche autore delle musiche, e a Salvatore Ragusa, che cura le scene. L’elemento scenografico di questa messinscena è l’aereo incidentato dell’aviatore perduto nel deserto, un velivolo “a pezzi”, che diventa un piccolo universo capace di rievocare i tanti mondi del piccolo principe. È al contempo un oggetto-metafora di un percorso interiore, perché alla fine sarà “riparato” dal lavoro che i due protagonisti avranno compiuto nel corso di questo incontro. Entrambi saranno così pronti a ripartire, seppure per destinazioni diverse.

Redazione Artinmovimento Magazine

Nuovi appuntamenti con la biodanza di Nicola Franceschiello al Centro Olistico Radhadesh

BIODANZA1Dopo l’entusiasmante seminario svoltosi il novembre scorso che ha dato l’avvio ad una stretta collaborazione fra Nicola Franceschiello e il Centro Olistico Radhadesh, è iniziata la “sfida con il capoluogo piemontese, per portare la Biodanza a conoscenza di un pubblico nuovo, che si è rivelato aperto, incuriosito, disponibile e pronto a mettersi in gioco. Nicola, con il suo inconfondibile entusiasmo e la sua straordinaria carica di energia ha respirato in questa città e nel Centro Olistico Radhadesh un clima che ha il profumo della crescita e della condivisione e ha risposto con prontezza rendendosi BIODANZA5disponibile per pianificare una serie di incontri per il primo semestre 2018 presso il centro che lo ha accolto con grande disponibilità e spirito di collaborazione. Un percorso – precisa Nicola – che vuol essere un “viaggio attraverso il quale sentire se stesso leggero e luminoso, danzare con gioia il ritmo della vita, sentire la necessità del cuore che intuisce oggi ciò che la ragione capirà domani, cogliere le sfide della vita come opportunità e riscatto”. Il primo appuntamento sarà nei prossimi giorni, il 6 e 7 gennaio. Questo seminario sarà strutturato a moduli, in modo da consentire a chi si avvicina per la prima volta alla Biodanza di cogliere l’opportunità di un momento esperienziale inedito e particolare. BIODANZA4Quindi si inizierà con un modulo serale il sabato 6 gennaio dalle 18.30 alle 22.00, per proseguire con un secondo modulo la domenica 7 dalle 10.00 alle 13.30 e per concludere con l’ultimo modulo al pomeriggio della domenica dalle 14.30 alle 18.00. Il seminario completo è vivamente consigliato per approfondire e consolidare l’esperienza. Il secondo appuntamento del 2018 si svolgerà il sabato 24 e la domenica 25 marzo, il terzo appuntamento, invece, il sabato 28 e la domenica 29 aprile, il quarto e ultimo del primo semestre 2018 il sabato 19 e la domenica 20 maggio. Una fantastica occasione per avvicinarsi a una disciplina tanto affascinante quanto sorprendente che prende vita e si trasforma di volta in volta in virtù dei partecipanti che formano il gruppo e che con la loro energia plasmano e co-creano insieme al conduttore l’esperienza danzante. BIODANZA2Un invito caloroso Nicola lo rivolge in modo particolare ai giovani, per avvicinarli ad un’esperienza in cui essi, con la loro freschezza, la loro spontaneità, la loro energia e la loro determinazione possano trovare spunto per una propria evoluzione e crescita personale qualitativamente significativa. Il progetto torinese che sta nascendo intende infatti abbracciare un pubblico vasto senza limite di età perché nello spirito della condivisione, lavorando con il cuore, ciascuno possa trovare spazio di accoglienza e a sua volta accogliere, senza giudizio, indistintamente tutti. Un invito caloroso a partecipare e a cogliere l’opportunità di fare una esperienza introspettiva ma anche e soprattutto di socializzazione e di ritagliarsi uno spazio di ascolto e di meditazione.

Odette Alloati

Tra poco la Mostra Cinofila O.L.A. “Locri on Ice”

OLA_evento-30dicAlle 16.30 di oggi, 30 dicembre, andrà in scena la Mostra Cinofila O.L.A. Locri on Ice, organizzata da O.L.A. Oltre L’ Arcobaleno Onlus.
La registrazione dei partecipanti sarà alle 15.30.
Come ogni anno la consueta Mostra Cinofila Amatoriale O.L.A. prevede tre categorie: Cuccioli (suddivisa in due sottocategorie: fino a 6 mesi e dai 6 mesi ad un anno); Meticci; e Razza (suddivisa in taglia piccola, media e grande)
L’evento consta anche di una dimostrazione di taglio a forbice su Barbone nano da parte del toelettatore Francesco Pedullà, titolare della Pet Fashion, nonché educatore cinofilo. Inoltre ci sarà un momento di riflessione sull’educazione e sul comportamento del cane curato da Antonio Ligato. Presenta la giornalista Marilene Bonavita.
Tra i giurati vi sarà il nostro direttore responsabile, Annunziato Gentiluomo, e come sponsor ufficiale ARION Petfood.
Sarà sicuramente un evento piacevole che vuole avvicinare i più al magico mondo degli amici a quattro zampe.
Chiara Trompetto

La quinta edizione di Underground Turin Cinefest, a fine marzo al Cinema Classico

logo nuovo OIFF 2Dopo il Filmmaker Day e il Collateral102 FilmFest, il festival del cinema indipendente del regista torinese Mauro Russo Rouge, proposto da SystemOut e dall’A.C.S.D. ArtInMovimento, torna il Torino Underground Cinefest, con la sua quinta edizione, a fine marzo 2018 al Cinema Classico (in piazza Vittorio 5)
Il partner culturale di questa edizione è FORWORD che si occupa di tutto il processo di sottotitolazione in italiano dei film provenienti dall’estero, e il mediapartner sarà ancora ArtInMovimento Magazine. L’unico sponsor dell’evento al momento è lo Studio legale Scozia.
Vi ricordiamo che è ancora possibile iscrivere il proprio film al festival torinese e la dead line è fissata al prossimo 8 febbraio.
Tra i premi in denaro vi sono quelli al Miglior Lungometraggio (300 dollari) e al Miglior Cortometraggio (200 dollari). Accanto a questi, saranno premiati il Miglior Regista, il Miglior Sound Designer, a cui si aggiungono il Premio del Pubblico e l’ormai storica Menzione Speciale “Artinmovimento Magazine”.

mole_antonelliana_2Spiega Mauro Russo Rouge: “Ad oggi i film pervenuti da ogni angolo del mondo sono più di 2 mila. Una cifra per noi pazzesca, poiché siamo passati dalle 800 iscrizioni della scorsa edizione alle oltre 2 mila di adesso. Un salto importante che deve far comprendere due cose: quanta volontà di fare film ci sia nel mondo e quanto interesse verso il nostro giovane festival hanno gli autori”.

La maggioranza dei film pervenuti continua ad essere di matrice USA, per le ovvie dimensioni di geografiche. Moltissimi i film ricevuti da Italia, e questo dato ci lusinga non poco, da Germania, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Canada, Iran, India, Austria, Australia, Cina, Grecia, Turchia, Brasile, Argentina, Messico, Colombia, Armenia, Chile, Perù, Olanda, Danimarca, Norvegia, Finlandia. Da tanti paesi del mondo, in estrema sintesi”, precisa Annunziato Gentiluomo, Presidente dell’A.C.S.D. ArtInMovimento.

9L9A4080aLa selezione ufficiale sarà resa nota entro e non oltre la metà di febbraio 2018. Poi, a fine Marzo, saranno proposti i tre giorni di festival molto ricchi con diversi autori invitati a Torino per rappresentare il proprio film. Si prevedono incontri interessanti, tavole rotonde, dibattiti e un delizioso party di chiusura”, conclude Matteo Valier, Presidente di SystemOut.

Per maggiori informazioni si prega di visitare il sito ufficiale dell’evento www.oiff-cinefest.com
Tra poco comincia il countdown, e noi siamo come sempre orgogliosi di accompagnare e supportare questo bellissimo evento.

Redazione ArtInMovimento Magazine

Eric Waddel & The Abundant Life Gospel Singers al Toscana Gospel Festival

gospelUno dei concerti più attesi della ventiduesima edizione del Toscana Gospel Festival è quello di sabato 30 dicembre a Cortona dove arriva per l’unica data in provincia di Arezzo la grande corale del Maryland di Eric Waddell & The Abundant Life Singers è divenuto, in soli sette anni, uno dei gruppi di spicco di Baltimora. Sabato 30 dicembre presso il Teatro Signorelli alle ore 21,15 sotto la direzione magistrale di Eric Waddell, front-man e leader del gruppo, si esibiranno gli Abundanta Life Gospel Singers. Il coro ha raggiunto un livello di perfezione vocale che ci ricorda le formazioni di Hezekiah Walker e Ricky Dillard. The Abundant Life Singers hanno viaggiato in tutti gli States, diffondendo con fervore il messaggio evangelico che ispira la loro musica. Eric Waddell è uno fra i più eccellenti Ministro di Musica e direttore di coro, famoso docente e compositore, ha studiato presso il Conservatorio Peabody come salmista. Il suo amore per il gruppo da lui stesso creato, gli ha permesso di condividere e sviluppare i suoi doni attraverso la musica. Molti dei brani in repertorio sono di sua composizione, un sound che abbina le sonorità del gospel tradizionale con le nuove tendenze del contemporary gospel. Nel luglio 2014 ha ricevuto due riconoscimenti al Rhythm of Gospel Awards come miglior CD Tradizionale dell’anno, Year & Best Performances by Choir/Director. Fra le apparizioni più significative ricordiamo: nell’agosto 2014 al BET’s Bobby Jones Gospel; nel Settembre 2015 per il mese del Gospel Gospel Heritage Month presso il Kennedy Center; nel gennaio 2017 esibizione per l’Inaugurazione del nuovo mandato presidenziale. Eric Waddell è uno fra I più eccellenti Ministro di Musica e direttore di coro; è un famoso docente e compositore ha studiato presso il Conservatorio Peabody come salmista.
Il suo amore per il gruppo da lui stesso creato, The Abundant Life Singers, gli ha permesso di condividere e sviluppare i suoi donni attraverso la musica. Molti dei brani in repertorio sono di sua composizione: un sound che abbina le sonorità del gospel tradizionale con le nuove tendenze del contemporary gospel. Il Toscana Gospel Festival è un progetto di Officine della Cultura in collaborazione con Associazione Toscana Gospel. Con il sostegno di Regione Toscana e Consolato Generale degli Stati Uniti d’America – Firenze. Con il contributo di Unicoop Firenze, Caffè River, Ubi Banca. Il concerto è organizzato dall’Associazione Toscana Gospel e da Officine della Cultura con il sostegno della Regione Toscana, Consolato Generale degli Stati Uniti d’America, Unicoop Firenze, Ubi Banca e Caffè River, Comune di Cortona e Accademia degli Arditi .

Redazione Artinmovimento Magazine

Concorso Internazionale di Musica ‘Marco Fiorindo’

Sax Fiatinsieme FiorinoLa prossima edizione 2018 del Concorso Internazionale di Musica ‘Marco Fiorindo’ sarà dedicata al saxofono e venerdì 29 dicembre il Fiatinsieme Sax Quartet si esibirà al Teatro Superga in un concerto di anteprima della XVII edizione del concorso. In attesa della XVII edizione del Concorso Internazionale di Musica ‘Marco Fiorindo’ che si svolgerà ad aprile 2018, l’Associazione intitolata a Marco Fiorindo non poteva mancare all’appuntamento invernale con la Città di Nichelino, con la proposta di un concerto a ingresso libero e gratuito. Il Fiatinsieme Sax Quartet è un quartetto di sassofoni che da molti anni svolge un’intensa attività artistica in Italia e in Europa. I componenti Enea Tonetti sax Baritono, Alessandro Beata sax contralto, Pietro Marchetti sax soprano e Cristiano Messa sax tenore, sono musicisti che, dopo aver maturato singolarmente importanti esperienze sia come solisti, sia in ambito orchestrale che cameristico, teatro superga1hanno deciso di dar vita ad una formazione che avesse come obiettivo quello di esaltare le innumerevoli potenzialità del sassofono. Dal 1999, anno di costituzione del gruppo, sono stati centinaia i concerti tenuti in Italia, Francia, Germania, e Inghilterra. Nel corso degli anni il quartetto ha ospitato numerosi artisti durante i propri concerti, aspetto questo, che unitamente alla ricerca e all’esplorazione di repertori “inusuali”, ha rappresentato un notevole arricchimento per il gruppo. L’attività concertistica e di ricerca, da sempre sono avvenute parallelamente all’insegnamento nei principali conservatori di musica italiani, nelle scuole di perfezionamento musicale e in occasione di numerose masterclass. Il repertorio del Fiatinsieme Sax Quartet spazia dalle trascrizioni di musica del periodo Barocco, sino alle opere originali per quartetto di sassofoni dei più attuali e celebrati compositori contemporanei.
teatro supergaUna particolare attenzione è riservata alla musica latino-americana e ovviamente a tutta la grande produzione musicale dei compositori italiani. Il concerto di anteprima della XVII edizione del Concorso Internazionale di Musica ‘Marco Fiorindo’ di venerdì 29 dicembre al Teatro Superga avrà in programma musiche di G. F. Haendel, J. B. Singelée, G. Zedde, P. Iturralde, G. Rossini, A. Piazzolla, A. Piazzolla, E. Gismonti, P. D’Rivera, C. Gardel. Ingresso libero. Di seguito il programma del concerto: G. F. Haendel, Water Music – Finale; J. B. Singelée, Grand Quatuor Concertant
G. Zedde, After Hour; P. Iturralde, Pequeña Czarda; G. Rossini, Rossini per quattro; A. Piazzolla, Ave Maria; A. Piazzolla, Contrabajeando; E. Gismonti, Palhaço;  P. D’Rivera, Two Pieces for Saxophone; C. Gardel, Por una cabeza.

Redazione Artinmovimento Magazine

E il Cimento invernale della Locride continua a crescere

Locri 2017-orizzontaleAlle 11.30 erano già dieci gli ardimentosi pronti a sfidare le acque gelide del Mar Ionio, oggi più fredde degli scorsi anni. Alle 11.58 circa due minuti di ascolto corporeo e stretching, e i ventiquattro partecipanti alla sesta edizione del Cimento invernale della Locride, sono pronti per il tradizionale tuffo collettivo.
Sette minuti nell’acqua, insieme, tempo utile allo sbalzo del cortisolo salivare capace di generare benessere. E poi la tisana calda e il supporto della dott.ssa Manuela Romeo che, Cimento_2017_3attraverso la moxibustione, ha favorito il riscaldamento interno.
Tanti sorrisi, voglia di stare insieme e di sostenersi reciprocamente. In scena una gran voglia di mettersi in gioco, di portare se stessi pienamente in questa iniziativa salutare proposta dall’associazione Zephyria, dalla realtà associativa Salvamento Locride Mare e dall’ACSD ArtInMovimento.
Siamo molto soddisfatti. L’anno scorso in quattordici e quest’anno in ventiquattro, più del 70% di incremento con diverse defezioni per influenza, per problemi di famiglia o perché alcuni nostri ardimentosi hanno deciso di trascorrere altrove le proprie ferie. Avremmo potuto raggiungere i trenta Cimento_2017_2partecipanti. L’emozione è grande in quanto cresce il numero di chi crede in questo evento che riassume in sé diverse sfumature. È un modo per ristabilire un nuovo contatto col mare, espressione principe del nostro territorio. È una singolare occasione per stare insieme. È una pratica salutare. È un’esperienza di coraggio e di volontà, spostando il proprio limite e crescendo, precisa Annunziato Gentiluomo.
In sintesi ventuno uomini e tre donne. Dalla Locride e dintorni 13 partecipanti, e poi uno da Montalto Uffugo, due da Badolato, due Reggio Calabria, due da Torino, due da Monza, uno da Fermo e uno da Dublino. Questa ultima presenza ha reso l’evento internazionale. Diverse le emittenti locali e regionali presenti, dato importante perché ci permette di diffondere questo evento in cui noi crediamo, afferma Giuseppe Pelle.
L’appuntamento è quindi fissato per l’anno prossimo. Stesso luogo, stesso orario, stesso giorno per celebrare in modo speciale la festa di Santo Stefano, Cimento_2017_4conclude Chiara Trompetto.
E anche quest’anno l’organizzazione ha vinto la propria scommessa. Il tempo è stato amico e il bel sole ha incoraggiato i temerari che vogliamo citare uno ad uno:  Andrea M., Agostino L., Pietro R., Paolo S., Francesco Emanuele C., Serena T., Carmine M., Vincenzo P., Salvatore C., Horgan D., Davide P., Mirko C., Elena C., Leonardo P., Bruno C., Salvatore T., Cesare Z., Domenico Z., Orazio L. F., Saaid W., Lorenzo C., Irene C. e Sandro C.. Siamo stati testimoni attivi di un’iniziativa bella, naturale e salutare, e abbiamo apprezzato Annunziato Gentiluomo che, nonostante il suo stato influenzato, non si è tirato indietro e ha vissuto con i ventitré citati questo magico tuffo.
Odette Alloati

Alle 11.40 la sesta edizione del Cimento invernale della Locride… Vi aspettiamo!

Locri 2017Manca pochissimo, poco più di un’ora per la sesta edizione del Cimento invernale della Locride, proposta dall’associazione Zephyria, nella figura del suo Presidente, Annunziato Gentiluomo, dalla realtà associativa Salvamento Locride Mare, attraverso il suo Direttore di sezione, Giuseppe Pelle, e dall’ACSD ArtInMovimento grazie alla sensibilità del suo Consigliere Chiara Trompetto, e patrocinata dal Comune di Locri
Aspetteremo i partecipanti al Cimento invernale della Locride, nell’area Parco Giochi del Lungomare di Locri Lato Sud, alle ore 11.40 per un momento di socializzazione e di ascolto corporeo. Poi alle ore 12.00 si immergeranno nelle acque del mar Jonio per il tempo che a ciascuno parrà opportuno. Si concluderà il tutto con una tisana calda, afferma Giuseppe Pelle.
Al momento non sappiamo quanti saremo. Ogni anno è una scomcimento-2016-foto1messa. Il tempo ci è amico. Circa 16°. Un bel sole ci incoraggia. Noi ci crediamo e al di là dello stato influenzale affronteremo le gelide acque del Mar Ionio. Vogliamo essere testimoni attivi di un’iniziativa bella, naturale e salutare, precisa Annunziato Gentiluomo.
L’iniziativa prevede la presenza di un servizio di assistenza medica e di giovani bagnini di salvamento, ed è inserita nel circuito de I cimenti invernali di nuoto a livello nazionale. Media partner dell’evento è sempre la nostra testata on line che si occupa anche dell’ufficio stampa.
Cosa aggiungere ancora? Proviamo insieme a spostare il nostro limite, divertendoci e stando insieme in mezzo alla natura… Vi aspettiamo per celebrare gli intervenuti e il bellissimo mare di Locri! Non mancate! Festeggiamo il giorno di Santo Stefano in modo originale e salutare!
Odette Alloati

“Il Magico Zecchino d’Oro”, il 26 dicembre al Teatro Superga di Nichelino

Falezza StefanoIl “Caffè della Peppina”, “Volevo un Gatto Nero” oppure “Quel bulletto del carciofo”. Chi di noi, almeno una volta, non ha sentito e cantato queste canzoni? Hanno segnato la nostra infanzia, rappresentano e raccontano la vita dello Zecchino d’Oro, il celebre festival canoro dedicato ai bambini che raggiunge ora i suoi primi 60 anni. Per l’occasione il festival si fa un regalo speciale, con un musical che porta nei teatri tutta la sua magia.

“Il Magico Zecchino d’Oro” è in programma domani, martedì 26 dicembre, alle ore 18 al Teatro Superga di Nichelino, uno spettacolo per tutta la Falezza Stefanofamiglia. Ricordi, emozioni, sensazioni, momenti vissuti e da rivivere questo e tanto altro sarà presente in quello che può essere definito un fantasy musicale in grado di sorprendere tutti, grandi e piccini.
Protagonista di questo racconto magico sarà Alice, una bambina che, a volte, ha paura del buio. Con lei, in scena, l’Omino della Luna che manda i sogni ai bimbi mentre dormono grazie al tintinnio dello zecchino d’oro di cui, invece, vuole impadronirsi la Strega Obscura.
Falezza StefanoIl pubblico sarà coinvolto nelle avventure di Alice e negli incontri con alcuni dei personaggi più famosi delle canzoni che hanno fatto la storia dello Zecchino d’Oro.

La regia è affidata a Raffaele Latagliata che, dopo il diploma alla BSMT Bernstein School of Musical Theatre, vanta una lunga collaborazione con la Compagnia della Rancia. Lo stesso Latagliata cura la drammaturgia dello spettacolo insieme a Pino Costalunga, attore e regista esperto di letteratura per l’infanzia. Il team creativo rappresenta una conferma per le produzioni musical di Fondazione Aida. Le scenografie di Andrea Coppi, i costumi e gli oggetti di scena di Antonia Munaretti con Nadia Simeonova, le coreografie curate da Elisa Cipriani e Luca Condello, Falezza Stefanoballerini solisti del Corpo di ballo dell’Arena di Verona, gli arrangiamenti musicali affidati a Patrizio Maria D’Artista, giovane compositore e arrangiatore di colonne sonore per cinema e teatro. Il contributo dello scenografo Paolino Libralato è poi un grande valore aggiunto. Nel cast ci sono Gennaro Cataldo, Stefano Colli, Enzo Forleo, Maddalena Luppi, Giada Maragno e Rebecca Pecoriello.
“Il Magico Zecchino d’Oro”è una produzione di Antoniano di Bologna, Fondazione Aida e Centro Servizi Culturali Santa Chiara.

Protagoniste assolute saranno ovviamente le canzoni. I testi musicali più celebri e più conosciuti dello Zecchino d’Oro sono stati selezionati appositamente per diventare la colonna sonora de “Il Magico Zecchino d’Oro”. Canzoni pensate dai bambini e da loro e votate nel corso degli anni, e che in questa occasionne diventano parte integrante della drammaturgia teatrale, anche in modo rinnovato e rivisitato per adattarsi alla forma del musical.

ECCO LA SCALETTA DE “Il Magico Zecchino d’Oro”:
Chi ha paura del buio
L’Omino della Luna
Il Katalicammello
Il caffè della Peppina
Torero Camomillo
Per un però
Volevo un gatto nero
Quel Bulletto del Carciofo
Prendi un’emozione
Dove vanno i sogni al mattino

Lo spettacolo sarà domani, 26 dicembre, al Teatro Superga di Nichelino, alle ore 18.00.
Biglietti: platea 27 Euro, ridotto 24,5 Euro – galleria 21 Euro, ridotto 19 Euro – pacchetto famiglia 2 adulti + 2 bambini 49 Euro.
Informazioni. Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To), biglietteria@teatrosuperga.it, 011.6279789

Redazione ArtInMovimento Magazine

Madagascar a Musical Adventure al Teatro Europauditorium

downloadAl Teatro EuropAuditorium  di Bologna il 26 e il 27 dicembre, per la prima volta in tournée in Italia, arrivano in carne ed ossa i personaggi della DreamWorks, campioni d’incassi con i film “Madagascar“. Dopo aver calcato i palcoscenici del Nord Europa, incontrando un grande consenso da parte del pubblico, Alex il Leone, Marty la Zebra, Melman la Giraffa e Gloria l’Ippopotamo saranno anche a Bologna come grandi star dello Zoo di New York protagoniste dell’esuberante Madagascar, a musical adventure. Lo spettacolo è un inno all’amicizia che si rivolge ad un pubblico di ogni età e racconta il viaggio che condurrà i simpatici animaletti animati dalla giungla urbana dei grattacieli della Grande Mela alle spiagge della sconosciuta isola africana. Dalla cattività alla natura selvaggia i quattro amici andranno alla ricerca di un compagno scomparso sfidando la sorte tra mille peripezie e difficoltà. I film “Madagascar” sono stati dei successi mondiali e hanno riscosso un grande successo anche in Italia incassando cifre esorbitanti: “Madagascar” (2005) – 25,7 milioni di euro, teatro4“Madagascar 2” (2008) – 32 milioni di euro – “Madagascar 3” (2010) 26,2 milioni di euro – “I pinguini di Madagascar” (2014) 8,6 milioni di euro. I prezzi (comprensivi di prevendita) sono: platea 39,50 € – balconata 28,50 €. I prezzi pacchetti famiglia comprensivi di prevendita): platea 2 adulti + 1 bambino 102 € – balconata 2 adulti + 1 bambino 75 € – platea 2 adulti + 2 bambini 132 € – balconata 2 adulti + 2 bambini 92 €. Le prevendite sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro Europauditorium (Piazza Costituzione, 4, Bologna) aperta dal lunedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00, presso la biglietteria del Teatro Il Celebrazioni (Via Saragozza, 234, Bologna), aperta dal lunedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00, attraverso il circuito Vivaticket-Charta, i punti d’ascolto delle IperCoop e il circuito Ticketone, oltre alle prevendite abituali di Bologna e provincia e attraverso il sito www.teatroeuropa.it. Per informazioni: 051.372540 – 051.6375199 – info@teatroeuropa.it

Redazione Artinmovimento Magazine

La rivoluzione dei ratti tossici

chemical analyst working on examination of samplesUna sera stavo sperimentando con i miei colleghi un nuovo tipo di medicina contro l’influenza, usando come sempre i topi da laboratorio per sperimentazioni.
Finiti tutti i test la medicina non sembrava avere effetti collaterali, ma decidemmo di aspettare comunque una notte per provare che tutto fosse regolare. Purtroppo il mattino seguente non ricevemmo una bella sorpresa: il laboratorio era totalmente sottosopra e sedie e tavoli completamente rosicchiati. La gabbietta dei topi a cui avevamo iniettato la medicina era aperta e dentro c’erano tracce di peli verdastri.
Analizzammo quei peli e scoprimmo che la medicina che la sera prima era sembrata innocua conteneva tracce di materiale tossico, che aveva modificato quella notte il DNA
di quelle piccole cavie da laboratorio, rendendole rabbiose e aggressive.
609578-ratsCominciammo subito a seguire le tracce di bava lasciate da quei ratti, che ci portarono in un negozio di formaggi completamente distrutto: Qu-qualche ora fa sono arrivata in negoz-zio e ho t-trovato tre ratti verdi e spaventosi a r-rosicchiare il m-mio formaggio! Chiamai i disinfestatori, ma erano alle prese con un ratto che correva nella piazza centrale e spaventava i passanti, ci spiegò balbettando la titolare del negozio. Quindi ci dirigemmo verso la piazza centrale, dove, su una statua, si stava arrampicando uno dei nostri “amici” ratti. Louis tentò di catturalo, ma il topo gli saltò addosso e lo morse. Dovemmo chiamare i soccorsi perché non si reggeva in piedi: Ragazzi… ma ci sono due Max… e due Robbie… e due Lence… vi siete tutti sdoppiati…, sussurrava Louis. Non potevamo portarcelo dietro, quindi lo portammo ratto-9784all’ospedale e cercammo di estrargli il veleno del morso. Quando Max tolse tutto il materiale tossico dal braccio di Louis, lo lasciammo all’ospedale per farlo riposare e continuammo a seguire i ratti tossici. Ci condussero nelle fognature: li seguivamo in assoluto silenzio, ma, ad un certo punto, Robbie starnutì e scappando, uno dei ratti, cadde per sbaglio in una pozza d’acqua e cominciò a sciogliersi. Ecco, finalmente avevamo trovato il punto debole di quei rattacci: L’acqua! – esclamai io – Li batteremo con le pistole ad acqua!
Corremmo in laboratorio e riempimmo quattro pistole ad acqua: Allora – spiegò Lence – queste sono cannoni spara-acqua deluxe che conservo da quest’estate in caso di vacanza improvvisa, quindi trattateli bene!
Tornammo nelle fognature e ricominciammo a cercare i topi.
laboratorio-medicoRobbie ne vide uno, sparò un colpo e il ratto si sciolse fino a sparire: Fuori uno, ne mancano altri due, dissi io. Qualche tubatura più avanti trovammo gli ultimi due e, senza neanche accorgercene, erano già spariti: Ehm… scusate, ragazzi. Forse volevate sparare anche voi, ma è stato più forte di me… sono un mago con i cannoni ad acqua, disse ridendo Robbie.
Andammo all’ospedale per vedere come stava Louis e si era ripreso completamente.
Dopo tornammo in laboratorio e chiamammo gli scienziati che ci avevano mandato la medicina: Questa medicina contiene tracce di materiale tossico e non dovrà essere usata per nessun motivo – comunicai io.
Va bene, prenderemo provvedimenti e non la utilizzeremo.
Da oggi faremo mooolta più attenzione con le medicine, conclusi io.
Certo! – continuò Louis – non voglio essere morso da un altro topaccio!
E tutti scoppiarono a ridere.
Anna Saddey

[Fonte delle immagini: insalutenews.it, resources2.news.com.au, educolor.it, .tudodesenhos.com]

Questo è il testo del banner.
Maggiori informazioni