Month: November 2019

 

“Ira” di Mauro Russo Rouge secondo la visione di Daniela Ricci

IRA _WEBIra
Regia di Mauro Russo Rouge
con Silvia CuccuSamuele Maritan e Matteo Valier
Italia, 2018
Distribuzione: Mescalito Film
dal 5 novembre 2019
Sound design: Paolo Armao
Fotografia: Mauro Russo Rouge
Musiche: Aram Jean Shahbazians
Costumi: Serena Debianchi
Produttore esecutivo: Annunziato Gentiluomo
Produzione: ACSD ArtInMovimento e AC SystemOut

IRA_s1Nel terzo lungometraggio di Mauro Russo Rouge, la macchina da presa, sempre in movimento, segue l’erranza dei suoi personaggi in territori desolati e marginali di una Torino cupa e brumosa. Filmati per piccoli dettagli, parzialmente o ai lati dell’inquadratura, dietro griglie, sbarre, cancelli, o ancora in cunicoli, corridoi, sotterranei o luoghi poco illuminati, i protagonisti, spesso silhouettes nascoste dietro a cappelli, sciarpe, cappucci, etc, Ira_3sembrano urlare la loro impossibilità di esistere pienamente. I rari e scarni dialoghi lasciano spazio al linguaggio visivo, dove nelle luci sfuocate della notte sagome indefinite cercano il loro divenire. I travelling resi dal movimento dell’auto lasciano percepire un mondo vuoto ostile, desolato e desolante, dove ognuno è condannato a lottare per se stesso. Le immagini eteree e ipnotiche, ben riflettono gli stati d’animo dei protagonisti.
Ira_samu_2L’incontro tra due emarginazioni, un lavoratore del mercato (Samuele Maritan) e una prostituta (Silvia Cuccu), sembra concedere un po’ di umanità che sfocia poi nella sequenza più luminosa del film, un giorno sulla riva del fiume. Si intravede una possibile via d’uscita nell’unione tra esseri umani, ma la scena è presto interrotta.
La narrazione frammentata, accompagnata da una punteggiatura a IRA_07volte fatta di inquadrature nere, qualche ellissi ma anche la messa in scena di tempi deboli del quotidiano, e pochi dialoghi guida gli spettatori in un viaggio a indovinare i sentimenti più intimi dei due protagonisti, che sembrano obbligati a esorcizzare la loro impotenza con la vendetta, con la violenza. Anche se poco esplicitato dal racconto filmico, si intuiscono le responsabilità della società contemporanea, nella quali alcuni giovani oggi faticano a trovare il proprio posto.
Daniela Ricci

Una lettura energetica della schiena… al Garda Family House

artinmovimento_finaleL’Associazione ArtInMovimento Magazine – Scuola Accreditata ASI-DBN DOS propone, presso il Garda Family House a Castelletto di Brenzone (VR), per sabato 30 novembre, dalle 16.30 alle 18.30, il workshop La schiena: una lettura energetica dell’asse portante della nostra vita…
L’insegnante è Annunziato Gentiluomo – Docente Reiki ASI R.D.14.73 e tra i primi Reikologi italiani (PRAI n. 40) -, esperto in discipline bionaturali e sNUNZIO_ELISIR.okociologo della salute, organizzatore e presentatore del convegno Andare Oltre. Uniti nella Lucela cui quinta edizione si terrà dal 23 al 25 ottobre 2020.
Annunziato Gentiluomo è impegnato da anni nella formazione ritenendo che sia fondamentale maturare alte competenze per sostenere l’altro, per essere il miglior Reiki_copertina frontecontributo per il proprio cliente. Nel suo percorso si è potuto confrontare con medici, fisici, biologi, sociologi, psicologi e altri operatori, comprendendo quanto fossero importanti contenuti, abilità e competenze anche nell’olismo, studi che lo hanno portato a pubblicare Sapere, Saper Fare e Saper Essere nel Reiki, un manuale che, a nostro avviso, tutti gli operatori olistici devono leggere per gli interessanti spunti che offre.
Accanto a seminari più specifici come Reiki e CristalliReiki e OncologiaReiki e AngeliLe percezioni del Reiki, Reiki e Nunzio_reiki_libroMeridianiLa nostra schiena e il nostro essere (nel) mondo, e lavori sul campo energetico, Gentiluomo ha ideato anche il workshop La schiena: una lettura energetica dell’asse portante della nostra vita…, il secondo modulo del precedente La tua schiena… come conoscerla e come darle sollievo che non ne rappresenta necessariamente un propedeutico. Mentre nel primo ha presentato il rachide dal punto di vista strutturale, proponendo per lo più esercizi di stretching per migliorarne la flessibilità, nel secondo si concentrerà sulle interpretazioni che diversi approcci, orientali e occidentali, hanno dato alla schiena nel suo complesso. I partecipanti entreranno in contatto profondo con questa parte del loro corpo e, attraverso lavori diadici e in piccoli gruppi, si immergeranno nella sua comprensione. Adatto agli operatori olistici, ma anche a chi desidera capire cosa si nascreiki-come-guidare-un-cerchio-di-luce_a0a2b008e92f3a02d7fc7c4378a2d6adonde dietro dei dolori e avere una sorta di mappatura dei significati dei propri problemi della schiena.
Il costo del seminario è 30€. Per informazione e prenotazioni chiamare al 3663953014 o 3475530247. Ci sono ancora 4 posti. Il dott. Gentiluomo riceve anche su appuntamento per trattamenti olistici. Se interessati è possibile contattare il 3475530247 a Evelyn Meuren, organizzatrice dei corsi e collaboratrice di Gentiluomo.
Un seminario da non perdere! Un modo originale per lavoro su di sé e prendersi cura di se stessi…
Chiara Trompetto

Per un uso domestico del BodyCushion…

bodycushion2Vi abbiamo già parlato del bodyCushion, un set di cuscini ergonomici sagomati, realizzati presso lo stabilimento di Ashland, in Oregon (USA), che dà ai pazienti, ai clienti e agli atleti il miglior risultato possibile di specifici interventi su di loro in quanto il corpo viene scaricato e completamente rilassato, consentendo di ottimizzare le tecniche di trattamento. Fisioterapisti, massaggiatori, operatori olistici, in particolari gli operatori shiatsu, ne fanno ricorso. Questi ultimi citati, ad esempio, possono trattare comodamente gli anziani, le donne in gravidanza o le persone con problemi di mobilità di ricevere comodamente lo Shiatsu. Sia ospedali sia Spa/terme/centri benessere se ne stanno dotando per offrire ai clienti un confort eccezionale.

Il bodyCushion™ è un sistema di posizionamento del corpo di alta qualità e alta tecnologia che permette ad una persona di sdraiarsi in qualsiasi posizione senza inutili pressioni sulle aree dei tessuti molli. Sostenere il corpo sulle sue strutture ossee – clavicole, sterno, costole, bacino – consente ai componenti strutturali molli del corpo di rilassarsi profondamente. Il bodyCushion™ non ha eguali nel permettere questo effetto. Quando il corpo è rilassato, tutti i tipi di terapia sono più facili e più efficaci. Il posizionamento del paziente sul bodyCushion™ offre al professionista il completo accesso a parti del corpo e gruppi muscolari in un modo in cui non è possibile se il paziente è sdraiato su una superficie piana, anche utilizzando cuscini e asciugamani arrotolati. Brevettata, la costruzione con specifica densità fornisce un supporto ottimale per ridurre la pressione e la tensione nel corpo dei pazienti che rende il lavoro del terapista più facile e fornisce un modo per ottenere risultati migliori e più efficaci, possiamo leggere sul sito.

Ma il BodyCushion ha anche un uso domestico, anzi è ottimo per l’utente domestico! Secondo la produzione Se hai un qualsiasi tipo di tensione muscolare, mal di schiena, recupero da unbody-cushion-banner1 duro allenamento, ecc … Posizionarsi sul BodyCushion per 15 minuti al giorno ha effetti estremamente positivi sul tuo corpo e ti aiuta a recuperare più velocemente! Questo avviene perché il BodyCushion sostiene la persona grazie alla sua struttura ossea, invece che considerando le sue parti morbide, permettendo ai muscoli di essere completamente rilassati quando altrimenti non lo sarebbero.
Quindi un ottimo regalo da farsi per il prossimo Natale, vero?
Annunziato Gentiluomo

“Ira” di Mauro Russo Rouge stasera sbarca a Tortona

IRA _WEBStasera, alle 20.30, Ira, terzo lungometraggio del regista Mauro Russo Rouge, ideatore e direttore artistico del Torino Underground Cinefest, sarà proiettato a Tortona, presso il Cinema Megaplex Stardust Official, sito in Strada provinciale per Viguzzolo n.2, alla presenza dello stesso regista e del produttore esecutivo.
Il film “Ira”, selezionato al 42° Denver Film Festival, al 36° Festival del Cine de Bogotà e al 17° Ravenna Nightmare Film Fest, dopo un’anteprima l’1 ottobre a Napoli, ha iniziato la sua distribuzione italiana fra il 4 e il 5 novembre raggiungendo diverse città italiane.
Racconta l’incontro di un ragazzo e una ragazza. Lui lavora ai mercati, lei invece è una prostituta di strada. Tra i due nasce una fortissima complicità. Sullo sfondo, una metropoli fatiscente e desolata. Nello sviluppo della storia, i due protagonisti crescono e si evolvono, portando a un finale assolutamente inaspettato che IRA_s1sancisce la loro libertà.
“Ira” è un film indipendente realizzato con attori presi dalla strada, catapultati in un processo creativo poco ortodosso e sperimentale. Il regista li ha pedinati costantemente per settimane cercando di carpire situazioni reali, senza filtri. Si è introdotto all’interno di luoghi in cui il film è ambientato, in modo furtivo, con una troupe ridotta e con la volontà di filmare la verità dei due protagonisti e di IRA_07coloro che li circondano.
Coprodotto dalle associazioni ArtInMovimento e SystemOut e distribuito da Mescalitofilm, è stato realizzato senza l’ausilio di una sceneggiatura.
Abbiamo iniziato, seguendo le indicazioni della Mescalito Film, con questo primo tour in diverse regioni italiane. Dall’estremo sud all’estremo nord, isole comprese. Praticamente in tutta Italia. Sarà la IRA_s3prima grande prova. Spero siano in tanti a vederlo e mi aspetto dei commenti positivi o meno. È da quelli che si cresce. È da quelli che si capisce il mercato e si intuisce se e come sei riuscito a far breccia nel pubblico che chiaramente deve essere amante del genere indie, conclude Mauro Russo Rouge.
Siamo orgogliosi di quanto sta accadendo intorno a “Ira”. Un film che fotografa una realtà di periferia caratterizzata da regole ben precise Ira_samu_2e in quanto tali immobili, ribaltate dalla forza dell’amore. Un film dove i luoghi, i suoni e le musiche rivestono un ruolo centrale, divenendo protagonisti accanto ai giovanissimi Samuele Maritan e Silvia Cuccu, quest’ultima premiata come miglior attrice al Rieti e Sabina Film Festival 2018. Mauro ha lavorato con loro, entrambi alla loro prima esperienza cinematografica, spiandoli dal di dentro e muovendo in loro non poche emozioni, conclude Annunziato Gentiluomo, il produttore del film.
Mauro-Russo-RougeTra le recensioni, ecco le frasi che riassumono quanto espresso dai giornalisti: Senza sceneggiatura dentro due vite ai margini IRA colpisce al cuore (La Stampa); Presentato al Festival di Denver, può diventare un caso, uno dei migliori film italiani della stagione (Movieplayer); Un film provocatorio, percorso da una forza dissacratoria estremamente coinvolgente (Cinema4Stelle); Un film che resta dentro, che non sembra nemmeno italiano, un film che sperimenta, che azzarda, che osa. E che per questo ha già vinto (Cameralook); Un lavoro personale e intenso, un dipinto suggestivo di due vite ai margini, di due solitudini che si incontrano (La Settima Arte).
Il trailer è sul seguente url mentre ecco il link ufficiale Facebook della proiezione evento è
Si segnala la pagina Facebook del film che ha oltre 19.000 like.
Un film coraggioso… da non perdere!
Redazione di ArtInMovimento Magazine

Buon successo di pubblico per “Ira” a Torino

Locandina IRA_TorinoIeri, mercoledì 20 novembre, alle ore 20.20, mentre ancora stavano giungendo nella Sala Grande dell’Ambrosio Cinecafè di Torino, degli spettatori, Mauro Russo Rouge, affiancato da Annunziato Gentiluomo, Paolo Armao, Silvia Cuccu e Samuele Maritan, ha presentato, il suo terzo lungometraggio Ira, evidenziandone la storia, l’assoluta assenza di una sceneggiatura, le scelte registiche e IRA_a Torino_20 nov_2019_1tecniche più evidenti e la visione che lo ha ispirato, e raccontando gli aneddoti più peculiari che hanno caratterizzato il suo girato.
Dopo le più rapide dichiarazioni del Produttore esecutivo, del Sound designer e dei protagonisti, alle 20.45 le luci si sono spente e si è dato l’avvio alla proiezione del film, prodotto da ArtInMovimento e SystemOut e distribuito da Mescalitofilm.
Circa 250, di cui 212 paganti, hanno potuto godere la visione del film Ira, al 42° Denver Film Festival, al 36° Festival del Cine de Bogotà e al 17° Ravenna Nightmare Film Fest, che è una IRA_a Torino_20 nov_2019_2contemporanea storia d’amore tra due giovani, collocata in una realtà metropolitana, dove il contesto, la colonna sonora e il suono diventano determinanti nel processo di immedesimazione del pubblico.
Molto buona la risposta del pubblico che ha salutato la proiezione con un copioso applauso, comprendendo, a nostro avviso, il messaggio del film e apprezzandone in particolare la regia, la fotografia e il montaggio, aspetto emerso dai feedback che sono stati lasciati, afferma Annunziato Gentiluomo, il produttore del film e IRA_s1nostro direttore responsabile.
Non posso nascondere che la proiezione a Torino ha rappresentato per me una grande emozione. La mia città, il mio mondo, i miei amici erano di fronte a me e aspettavo questa mia creazione a cui Sono molto più legato rispetto agli altri due che lo hanno preceduto. In “Ira” c’è molto di me e soprattutto inizio a percepire, anche dalle recensioni critiche ricevute, che il film è Mauro-Russo-Rougestato compreso e apprezzato. Ringrazio tutti per questa bella avventura che stiamo vivendo, conclude Mauro Russo Rouge.
Sicuramente una serata piacevole, stimolante e di gran cinema. Siamo orgogliosi di quanto si sta realizzando con Ira, un film coraggioso, intenso, a tinte nordiche e sicuramente underground.
Le prossime proiezioni saranno stasera a Genova, il 27 novembre a Tortona, il 28 ad Aosta, il 3 dicembre a Bologna e l’11 a Padova. Non perdetelo!
Monica Merante

HBO Opera unisce il vino e l’opera… un progetto vincente!

HBO Opera LogoHBO Opera è un progetto ambizioso che unisce due eccellenze italiane, il vino e l’opera lirica, affinché in qualche modo entrambe possano beneficiarne. Enrico Bomarsi ed Enrico Manzi, rispettivamente General Manager ed Executive Manager di Winelogs s.r.l., sono gli artifici di questo sodalizio che veda da una parte, l’associazione culturale HBO Opera (fondatori Ksenia  Bomarsi,  Roberto Mingari, Davide Rocca, con i collaboratori Monica Canu e Ivan Spelnik, maestro d’Orchestra) che si occupa di organizzare eventi e concerti, coinvolgendo e supportandBarolo-Elisir-macro-cut-mino giovani artisti; e dall’altra, il marchio HBO Opera Wine, grandi e pluripremiati vini da tutta Italia in un packaging esclusivo, che evoca i grandi titoli della tradizione operistica.
Brunello-Rigoletto-etichetta-minL’idea di HBO Opera è nata dal desiderio di mettere in risalto un patrimonio unico al mondo, quello dell’opera lirica italiana legandolo a un filo conduttore di eccellenza come il vino italiano. Un legame che è molto più forte di quanto ci si possa immaginare, basti pensare a quanto spesso si possano trovare nelle opere liriche più celebri HBO Opera.gruppo.1citazioni e riferimenti al “nettare di Bacco”. La passione di Enrico Bomarsi per il vino e di Ksenia Bomarsi per l’opera lirica hanno fatto sì che il progetto prendesse forma e si sviluppasse creando questa magica unione. Il vino attraverso la musica, l’opera attraverso il vino e da qui l’opera in bottiglia. La ricerca dei vini di gamma è stata molto scrupolosa, vista l’esigenza di trovare un prodotto di eccellenza che avesse un forte legame con l’opera lirica ed il compositore stesso. Abbiamo inoltre creato una forte amarone-valpolcevera-traviata-slide-bigsinergia con le cantine che hanno creduto fin da subito nel progetto e con le quali abbiamo selezionato i seguenti vini: l’AMARONE La traviata (Azienda Agricola Begali), il BAROLO L’elisir d’amore (Sobrero vini), il BRUNELLO DI MONTALCINOIl Rigoletto (Fattoria la Lecciaia), il CHIANTI CLASSICOLa bohème (La Fèlsina), il MARZEMINODon Giovanni (Cantina Roeno) e il ROSSO CONEROIl barbiere di Siviglia (Tenimenti Spinsanti).
mazerminoRicercato il lavoro sulle etichette svolto per più di due anni con il designer Vladimir Kuzmin con l’intento di renderle indimenticabili, come se fossero prodotti da collezionare. Sono tutte etichette in metallo due in rame due in ottone e due in alluminio; le bottiglie sono avvolte e “coccolate” da una scatola elegance con chiusura magnetica.
Tali vini si potranno trovare nei teatri italiani, nei loro bar, ristoranti HBO Opera_Enricoe/o contattando l’azienda sul sito www. hboperawine.com o via mail scrivendo a info@hboperawine.com. Al momento ci si sta concentrando inoltre sull’esportazione in Cina, Russia, Corea, Giappone e USA.
Oltre la distribuzione del vino di altissima qualità, l’associazione, oltre a voler promuovere e divulgare nel mondo l’opera lirica, ha tra i pro- pri fini primari quello di aiutare gio- vani artisti, sia economicamente che logisticamente, creando stage dedicati, realizzando concerti e spettacoli che diano la possibilità a giovani cantanti, direttori, musicisti e registi di debut- tare e cimentarsi nel panorama lirico, facendo così crescere gli artisti di do- mani.
Noi abbiamo assaggiato il Barolo e l’Amarone… e sono semplicemente sensazionali.  Assolutamente da provare! Un eccellente regalo per le prossime vacanze natalizie.
Annunziato Gentiluomo

BodyCushion… un eccellente strumento per i tuoi trattamenti

bodycushion2Oggi vi parliamo di uno strumento che coadiuva trattamenti di diverso tipo, in particolare la fisioterapia, il massaggio sportivo e lo shiatsu.
Il BodyCushion, un set di cuscini ergonomici sagomati,  permette, ad esempio, agli anziani, alle donne in gravidanza o alle persone con problemi di mobilità di ricevere comodamente lo Shiatsu.
BodyCushion dà ai pazienti, ai clienti e agli atleti il miglior risultato possibile di specifici interventi su di loro in quanto il corpo viene scaricato e completamente rilassato, consentendo di ottimizzare le tecniche di trattamento.

Molti ospedali hanno adottato il bodyCushion nella cura del paziente, inclusa la Mayo Clinic. Il cuscino corporeo viene utilizzato da molti ospedali per la gravidanza in ritardo, l’intubazione e altri trattamenti per il paziente.
Il campo della medicina è costantemente alla ricerca di nuove innovazioni per migliorare le proprie capacità nell’aiutare le persone. BodyCushion è uno strumento perfetto per chiunque nel campo medico in quanto consente loro di lavorare meglio sui loro pazienti.

Ogni parte del BodyCushion è realizzata nello stabilimento aziendale di Ashland, in Oregon (USA), utilizzando la più alta qualità di materiali di provenienza mondiale. Non viene esternalizzato nulla nella pratica di costruzione. Ogni unità viene sottoposta ad un intenso processo di controllo qualità per garantire la costanza e la durata del prodotto. Vengono utilizzati i rivestimenti vinilici di alta qualità a livello mondiale su tutti i nostri prodotti. Il vinile a cui si ricorre è morbido, elastico e estremamente resistente con una finitura brevettata che gli consente di resistere a ripetute pulizie anche con soluzioni e prodotti igienizzanti. La finitura in vinile topcoat è formulata tecnicamente per ottenere i più elevati standard di prestazione, compresa una gamma ampliata di capacità di pulizia, resistenza alle macchie migliorata, prestazioni di alto livello e resistenza all’abrasione migliorata.
I materiali avanzati usati per il BodyCushion offrono una resistenza eccezionale in ambienti medici e sanitari esigenti in quanto contengono agenti per proteggerlo contro i microorganismi batterici e fungini e sono stati formulati per ottenere un livello superiore di protezione.

Si utilizza una schiuma brevettata a densità specifica composta da diverse densità di schiuma, costruita per soddisfare i nostri precisi standard: una combinazione di schiuma ad alta resilienza (HR) e schiuma Earth Cell™ per ottenere il nostro supporto superiore.
La schiuma ad alta resilienza è la schiuma di altissima qualità disponibile, realizzata con materiali di qualità che offrono un’estrema elasticità e un supporto ottimale per un ciclo di vita lungo. La schiuma Earth Cell™ è composta da un bio-poliolo a base rinnovabile, come la soia, che riduce la dipendenza dai combustibili fossili, riduce la domanda di energia e crea un impatto ambientale ridotto. La schiuma viene espansa con anidride carbonica e acqua, un processo che è più delicato con l’ambiente e lascia la schiuma senza odore.

I prodotti BodyCushion sono cuciti utilizzando un filato continuo legato e ritorto, appositamente progettato per fornire resistenza agli elementi più duri della natura. Il filato presenta una tecnologia di incollaggio unica che body-cushion-banner1salvaguarda contro il distacco della piega ed è l’unica cucitura incollata rispettosa dell’ambiente disponibile.
Questa cucitura è resistente all’abrasione, ai raggi UV, alla candeggina e alle muffe.
La costruzione termoplastica stampata a iniezione è nota per la sua resistenza e robustezza. La base del supporto per il viso fornisce un supporto funzionale estremamente duraturo per il Face Crescent. Aperture generose su tutti i lati offrono un flusso d’aria ottimale quando sono posizionati a faccia in giù.
Un ottimo strumento per coadiuvare i trattamenti e renderli più confortevoli ai clienti…
Cliccando qui tutte le informazioni per il referente italiano.
Redazione di ArtInMovimento Magazine

Domani “Ira” di Mauro Russo Rouge al Cinema Ambrosio di Torino

IRA_s3Domani, mercoledì 20 novembre, alle ore 20.15, Ira, il terzo lungometraggio del regista Mauro Russo Rouge, ideatore e direttore artistico del Torino Underground Cinefest, sarà proiettato presso l’Ambrosio Cinecafè, sito a Torino in Corso Vittorio Emanuele II, 52, alla presenza dello stesso regista e del produttore esecutivo Annunziato Gentiluomo, nostro direttore responsabile.
Prodotto da ArtInMovimento e SystemOut, è distribuito da IRA_s1Mescalitofilm che, dopo un’anteprima nazionale, martedì 1 ottobre 2019, a Napoli, ha permesso raggiungesse città praticamente di tutte le regioni d’Italia e fra queste Foggia, Catania, Bari, Roma, Rieti, Ancona, Cagliari, Poggibonsi, Cesena, Firenze, Bologna, Genova, Milano, Bergamo, Verona, Vicenza, Venezia, Capodarco, Rimini, Padova, Trieste, Rieti, Ascoli Piceno, Lamezia Terme. Domani sarà proiettato anche a Mantova e prossimamente sbarcherà a Tortona e ad Aosta.
Ira_3Il film Ira, selezionato al 42° Denver Film Festival, al 36° Festival del Cine de Bogotà e al 17° Ravenna Nightmare Film Fest, racconta l’incontro di un ragazzo e una ragazza. Lui lavora ai mercati, lei invece è una prostituta di strada. Tra i due nasce una fortissima complicità. Sullo sfondo, una metropoli fatiscente e desolata. Nello sviluppo della storia, i due protagonisti crescono e si evolvono, portando a un finale assolutamente inaspettato che sancisce la loro libertà.
“Ira” è un film indipendente realizzato senza l’ausilio di una sceneggiatura. Il film si è costruito straIRA _WEBda facendo, seguendo Samuele Maritan e Silvia Cuccu, quest’ultima premiata come miglior attrice al Rieti e Sabina Film Festival 2018, nel loro esprimere ciò che avevano dentro. Emozioni, non detti, speranze e desiderata trovano spazio in una terra di mezzo, un’area di confine tra una città e il suo interland. I luoghi e i suoni sono elementi fondamentali che sostengono e caratterizzano la pellicola dandole spessore e atmosfera, e colmando i ridotti ai minimi dialoghi presenti, afferma il regista Mauro Russo Rouge.
Ritengo ci siano tutti gli ingredienti perché “Ira” conquisto il suo spettatore. Contemporaneo, fresco, originale e soprattutto innovativo per il linguaggio, quello di Mauro Russo Rouge è un film minimal con una personalità veramente underground che con coraggio fotografa la realtà di oggi, realtà in cui molti hanno difficoltà a comunicare e a realizzare quanto dentro, conclude Annunziato Gentiluomo, il produttore del film.
Il trailer è su questo url.

Al via il primo Savona International Film Event

SIFE.2019_logoGiovedì 21 novembre 2019, dalle ore 17.00 alle ore 23.45, presso il Cinema Nuovofilmstudio di Savona, sito in piazza Pippo Rebagliati, 6a, andrà in scena il Savona International Film Event, Cinema Savonauna rassegna di cinema indipendente proveniente da ogni parte del mondo, proposta dalle associazioni culturali ArtInMovimento e SystemOut, in collaborazione col Torino Underground Cinefest.
Saranno proiettati, oltre a corti e lungometraggi in concorso system_out_logoall’evento stesso, una serie di corti e lunghi che hanno partecipato all’ultima edizione del TUC.
Il programma della giornata è disponibile sul sito ufficiale.
La rassegna è gratuita anche se è consigliabile prenotare il proprio posto in sala su Eventbrite, cliccando qui.
Quasi sette ore no stop dedicate a cortometraggi e lungometraggi artinmovimento_finaleprovenienti da ogni angolo del mondo, tutti di grande qualità, tutti espressione del cinema indie. A nome dell’organizzazione, uno special thanks a http://www.officinesolimano.it/ che hanno collaborato con noi per la realizzazione di questo primo evento savonese, afferma Matteo Valier, referente di SystemOut.
La macchina è inesorabile e continuiamo a perseguire l’obiettivo di sensibilizzare più persone possibile al prolifico cinema indipendente, dai linguaggi innovativi e i temi originali. Da settembre abbiamo proposto in ordine il NIF a Novara, il Tortona Indie Film Session, il quinto Filmmaker day, l’Asti Movies Awards e adesso il S.I.F.E. a Savona. Abbiamo superato abbondantemente i limiti regionali e non ci fermiamo certo qui. L’obiettivo è continuare a lavorare per le avanguardie della settima arte e per far comprendere che oggi più che mai l’idea può fare la differenza, dichiara Annunziato Gentiluomo, Presidente dell’Associazione ArtInMovimento.
La pagina facebook del S.I.F.E. è qui.
Assolutamente da non perdere…
Redazione di ArtInMovimento Magazine

Buon successo di pubblico per la prima edizione del Tortona IndieFilm Session

TIFS-2019.2Il Tortona IndieFilm Session, la rassegna cinematografica di Tortona, il 16 ottobre, presso il Megaplex Tortona Century, nonostante fosse alla sua prima edizione, ha fatto registrare una buona presenza in sala, soprattutto femminile. Un pubblico sensibile, attento e curioso alle diverse cinematografie provenienti da ogni angolo del pianeta.
TIFS, frutto della sinergia fra le associazione ArtInMovimento e SystemOut, è una rassegna preparatoria in vistaTIFS-2019.3 della settima edizione del Torino Underground Cinefest (www.tucfest.com).
È stata un’ottima opportunità di vedere alcuni film che hanno partecipato all’ultima edizione del TUC e una buona occasione di ammirare i lavori che ci sono arrivati in questi ultimi mesi. È stata una giornata ricca di proiezioni dalle ore 17.00 fino alle 00.00, dove sono stati portati sul grande schermo nuovi linguaggi e i temi più ricorrenti del prolifico cinema indie, precisa Annunziato Gentiluomo, presidente dell’Associazione ArtInMovimento.
Abbiamo proposto in un unico giorno diciotto lavori e all’unanimità abbiamo deciso di non prevedere nessun vincitore poiché il livello era davvero aTIFS-2019.5lto. Solitamente proponiamo sempre un vincitore, ma questa volta abbiamo voluto cambiare il format. Una decisione dell’ultimo minuto che non sminuisce assolutamente una rassegna tanto ricca quanto bella, precisa il direttore artistico Donato Saracino.
Adesso non ci resta che concentrarci sulla settima edizione del Torino Underground, ma per quanto riguarda Tortona diamo appuntamento alla prossima edizione, conclude Matteo Valier, referente dell’Associazione SystemOut.
Redazione ArtInMovimento Magazine

“Il trovatore” di Verdi apre la stagione d’opera del Carlo Felice di Genova

018Per la Genova musicale Il trovatore di Giuseppe Verdi è un simbolo di rinascita e rinnovamento: con questo titolo, infatti, il 18 ottobre 1991 il nuovo Teatro Carlo Felice apriva per la prima volta le porte al pubblico. Ventotto anni dopo è di nuovo il secondo capitolo della “trilogia popolare” verdiana ad inaugurare una Stagione d’Opera e Balletto del Teatro Carlo Felice che guarda al futuro, quella 2019/20, la prima con Claudio Orazi come nuovo Sovrintendente della fondazione lirico-sinfonica genovese.
066La prima, attesissima, è prevista per venerdì 22 novembre alle ore 20. Sul podio, a dirigere Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice nel melodramma romantico per eccellenza, Andrea Battistoni, giovane e carismatico direttore che proprio a Genova, negli ultimi anni, ha consolidato la sua fama. L’allestimento è una nuova produzione del Teatro Carlo Felice e porta la firma della regista Marina Bianchi, formatasi alla miglior scuola teatrale italiana sia di prosa che d’opera (diploma in regia alla Scuola d’Arte Drammatica rondine5“Paolo Grassi” di Milano, Aiuto Regista stabile alla Scala dal 1980 al 1992, collaboratrice di registi come Luca Ronconi, Sofia Coppola e Liliana Cavani). Le Scene e i Costumi sono di Sofia Tasmagambetova e Pavel Dragunov, autori di un progetto scenico che, sottolinea Marina Bianchi, possiede un’immagine forte, una relazione totale con la drammaturgia dell’opera. Le Luci sono di Luciano Novelli, Direttore Allestimenti Scenici del Teatro Carlo Felice, con una lunga esperienza come Light Designer. Fondamentale, in un’opera come Trovatore, in cui si combatte molto, il contributo del Maestro d’Armi Corrado miseria5Tomaselli. Così come quello di Francesco Aliberti, Maestro del Coro del Teatro Carlo Felice, alle prese con una partitura in cui i cori sono protagonisti quanto le singole voci.
Di prim’ordine il cast, formato da voci verdiane tra le migliori oggi in attività: Massimo Cavalletti e Sergio Bologna (Conte di Luna), Vittoria Yeo e Rebeka Lokar (Leonora), Violeta Urmana e Maria Ermolaeva (Azucena), Marco Berti e Diego Cavazzin (Manrico), Mariano Buccino (Ferrando), Marta Calcaterra (Ines) e Didier Pieri (Ruiz).
Lo spettacolo è in memoria del Maestro Peter Maag, nel centenario della nascita, ed è dedicato a Rolando Panerai, da tutto il Teatro Carlo Felice, con affetto e riconoscenza.
Siamo in attesa di questo inizio di stagione…
Redazione di ArtInMovimento Magazine

Questo è il testo del banner.
Maggiori informazioni