artinmovimento.com

Alla Scuola Spinelli di Torino impera l’opera

SONY DSC

La classe VB della Scuola Primaria Altiero Spinelli di Torino il 14 aprile scorso si è potuta confrontare, nell’aula insegnanti, con un baritono che si è esibito in importanti teatri del mondo e che ha debuttato in più di sessanta titoli nei suoi ventuno anni di carriera. Massimiliano Fichera, dalla voce profonda e possente, accompagnato dall’eccellente pianista Stefania Salvai, ha deliziato i bambini con Voglio vivere così di Giovanni d’Anzi, Deh, vieni alla finestra dal Don Giovanni di Mozart, la Cavatina di Figaro (suo cavallo di battaglia) da Il barbiere di Siviglia di Rossini e Mattinata di Leoncavallo, e soprattutto si…

SONY DSCLa classe VB della Scuola Primaria Altiero Spinelli di Torino il 14 aprile scorso si è potuta confrontare, nell’aula insegnanti, con un baritono che si è esibito in importanti teatri del mondo e che ha debuttato in più di sessanta titoli nei suoi ventuno anni di carriera.
Massimiliano Fichera, dalla voce profonda e possente, accompagnato dall’eccellente pianista Stefania Salvai, ha deliziato i bambini con Voglio vivere così di Giovanni d’Anzi, Deh, vieni alla finestra dal Don Giovanni di Mozart, la Cavatina di Figaro (suo cavallo di battaglia) da Il barbiere di Siviglia di Rossini e Mattinata di Leoncavallo, e soprattutto si è raccontato, partendo dalle domande postegli dagli alunni ipnotizzati dalla sua arte. Un dono che questi due artisti hanno voluto fare a ventidue creature che pendevano dalle loro labbra.

La classe era stata ben preparata dal lavoro attento dei suoi insegnanti, in particolare di Annunziato Gentiluomo, che oltre a dare loro le basi della teoria musicale, ha abituato loro agli ascolti d’opera e li ha portati al Teatro Regio di Torino per Le nozze di Figaro (2015) e La Cenerentola raccontata ai ragazzi (2016). Non possiamo dimenticare la meravigliosa lezione-concerto tenuta l’anno scorso sempre dalla Signora Salvai.
Era da tempo che parlavo con mia moglie, Silvana Ottimo, anch’ella cantante, dell’importanza di un lavoro di socializzazione sull’opera, fin dalla scuola primaria. È un nostro prodotto culturale che deve raggiungere tutti e che rappresenta un tassello importante della nostra cultura. Ho subito accettato l’invito di Gentiluomo e il risultato è stato sorprendente. Gli occhi di quei bambini erano la più bella ricompensa che potessi avere, afferma Fichera.
Sono stata coinvolta nel progetto da Gentiluomo, che stimo professionalmente e a cui sono legata da una bellissima amicizia, in quanto credo sia indispensabile oggi portare nella scuola la musica. Ha dei poteri impressionanti ed è capace di sanare, meravigliare e soprattutto appassionare le magnifiche anime desiderose di stimoli. Lavorare con Fichera, grande artista, è stata veramente semplice. Ci siamo capiti subito.Sono sicura che la sinergia porterà a nuove collaborazioni, dichiara felice Salvai.
In sintesi un’ora di grande arte, frutto della generosità di due artisti che si sono resi, per dei bambini, ambasciatori di cultura, realizzando il senso più profondo del loro essere.
Chiara Trompetto

 

[Foto di Piervincenzo Bondonio]

More in Benessere

More in Cultura

Most popular

Most popular

Most popular