artinmovimento.com

Roberto Vecchioni il 18 aprile a TEA di Bologna

Roberto Vecchioni_L'Infinito

Dopo quasi cinque anni di paura, è uscito ora “L’infinito”, ultimo album di Roberto Vecchioni, sarà il 18 aprile in concerto al Teatro EuropAuditorium di Bologna, con inizio alle ore 21:00. Il lavoro presenta 12 brani inediti e un grande ritorno, quello di di Francesco Guccini che duetta, per la prima volta, con Roberto Vecchioni nel singolo “Ti Insegnerò a volare”, ispirato alla storia di Alex Zanardi. Due padri della canzone d’autore si rivolgono così alle nuove generazioni, in un periodo di precarietà e liquidità, invitandole a sfidare l’impossibile. La storia del campione, che ha continuato a gareggiare e vincere…

Roberto Vecchioni_L'InfinitoDopo quasi cinque anni di paura, è uscito ora “L’infinito”, ultimo album di Roberto Vecchioni, sarà il 18 aprile in concerto al Teatro EuropAuditorium di Bologna, con inizio alle ore 21:00.
Il lavoro presenta 12 brani inediti e un grande ritorno, quello di di Francesco Guccini che duetta, per la prima volta, con Roberto Vecchioni nel singolo “Ti Insegnerò a volare”, ispirato alla storia di Alex Zanardi. Due padri della canzone d’autore si rivolgono così alle nuove generazioni, in un periodo di precarietà e liquidità, invitandole a sfidare l’impossibile. La storia del campione, che ha continuato a gareggiare e vincere anche dopo il terribile incidente in Fromula 1, è simbolo e metafora della “passione per la vita che è più forte del destino”.

Racconta lo stesso Vecchioni: “Questo brano si specchia direttamente in quella che è stata chiamata la “canzone d’autore” e che non c’è, non esiste più dagli anni ’70. In realtà l’intero disco è immerso in quell’atmosfera perché là è nato e successo tutto. Là tutto è stato come doveva essere, cioè immaginato, scritto e cantato alla luce della cultura, semplice ed elementare oppure sottile e sofisticata, ma comunque cultura”.

Un album manifesto, “non 12 brani, ma un’unica canzone divisa in 12 momenti”, ricca di molte suggestioni letterarie, a image001ninziare dal titolo che richiama alla necessità di trovare l’infinito “al di qua della siepe”, non fuori o oltre noi stessi, ma dentro. L’album è il frutto della collaborazione di un team team di alto livello, in cui troviamo Lucio Fabbri (produzione artistica) al pianoforte, piano elettrico, organo Hammond, violino, viola, fisarmonica, basso elettrico e chitarra elettrica; Massimo Germini alla chitarra classica e acustica, chitarra 12 corde, mandolino, bouzouki, ukulele, liuto cantabile; Marco Mangelli al basso fretless; Roberto Gualdi alla batteria e percussioni.

Costo dei biglietti: platea 63,50 €  e 46,00 €; balconata 34,50 €

Le prevendite sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro Europa Auditorium (Piazza Costituzione 4, Bologna), presso la biglietteria del Teatro Celebrazioni (via Saragozza 234, Bologna), entrambe aperte dal lunedì al sabato, dalle ore 15.00 alle ore 19.00. Sono acquistabili inoltre attraverso i circuiti Ticketone,  Vivaticket, i punti d’ascolto delle Ipercoop, oltre alle prevendite abituali di Bologna e provincia e attraverso il sito www.teatroeuropa.it.

 

Redazione ArtInMovimento Magazine

More in Cultura

Most popular