artinmovimento.com

Da oggi Orizzonti Festival con la Compagnia Pippo Delbono

logo-Mediterranea-2015-1000x370

Stasera e domani, prima e seconda serata di Orizzonti Festival.  A brevissimo a Chiusi debutti importanti come quelli della Compagnia Pippo Delbono in scena al Teatro Mascagni con La Notte il 31 e l’1 agosto; Cavalleria Rustica debutta invece in Piazza Duomo alle 21.30 questa sera e replica domani con un ricchissimo cast, la regia di Lucas Simon e la direzione affidata al Maestro Sergio Alapont, Direttore musicale del Festival. La manifestazione prosegue sabato con la prima nazionale della Compagnia Adriana Borriello al Chiostro di San Francesco, Col corpo capisco #1 primo studio. Orizzonti Festival è anche incontri, mostre e laboratori.…

Stasera e domani, prima e seconda serata di Orizzonti Festival.  A brevissimo a Chiusi debutti importanti come quelli della Delbono-Sangue-e1436945809743Compagnia Pippo Delbono in scena al Teatro Mascagni con La Notte il 31 e l’1 agosto; Cavalleria Rustica debutta invece in Piazza Duomo alle 21.30 questa sera e replica domani con un ricchissimo cast, la regia di Lucas Simon e la direzione affidata al Maestro Sergio Alapont, Direttore musicale del Festival. La manifestazione prosegue sabato con la prima nazionale della Compagnia Adriana Borriello al Chiostro di San Francesco, Col corpo capisco #1 primo studio. Orizzonti Festival è anche incontri, mostre e laboratori.

Venerdì 31 luglio “La Notte” di Pippo Delbono

PD_LN_03-e1437055657213Questa sera (31 luglio, ndr) apre Orizzonti Festival con Pippo Delbono. Uno degli artisti più interessanti della scena internazionale porta al festival La Notte, spettacolo-concerto che viene presentato a Chiusi nella sua versione definitiva e che vede l’artista confrontarsi per la prima volta con un autore come Bernard-Marie Koltès, dando voce a ‘La notte poco prima della foresta’. Un viaggio quasi autobiografico per Delbono che apre la serata con una lettera di François Koltès, fratello di Bernard- Marie, da cui l’artista ligure ha ricevuto il consenso a tagliare, operare, quasi stracciare il testo originale per intrecciare due vite e due voci. Un monologo forte, intenso, provocatorio, rabbioso che Delbono, accompagnato dalla chitarra di Piero Corso, interpreta con grande musicalità, modulando voce, toni e ritmi.
La Notte si chiude con una lettera di Bernard-Marie alla madre: alla critica di pensare quasi soltanto al sesso, l’autore risponde rivendicando il suo concetto di amore, usando parole aspre, dolci e malinconiche per esprimere un sentimento di resistenza al nonsense del mondo che ci circonda.
Lo spettacolo replica domani 1 agosto ore 20 Teatro P. Mascagni

Carretto Siciliano 2011Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, Regia Lucas Simon.
Altro debutto per Orizzonti Festival che ospita questa sera alle 21.00 in Piazza Duomo a Chiusi Cavalleria Rusticana. È la prima nazionale del nuovo allestimento della Fondazione Orizzonti d’Arte che quest’anno è affidato a Lucas Simon, vincitore del bando di concorso di allestimento che negli ultimi due anni la Fondazione promuove. Cavalleria rusticana è un dramma che arriva da un passato intriso di tradizioni così attuali che bisogna muoversi con circospezione quando l’occhio si sforza di vedere più lontano.
L’ispirazione è il mondo femminile che sembra subire la pressione del potere maschile, quando di fatto ne muove le fila, in maniera neanche troppo silenziosa e di sicuro indisturbata.
Lo spettacolo è proposto in replica domenica 2 agosto alle 21 in Piazza Duomo

Sabato 01 agosto

IMG_1101b-e1438266832968La seconda giornata di Orizzonti Festival ospita al Chiostro San Francesco (Chiusi) la prima nazionale del nuovo lavoro della Compagnia Adriana Borriello Col Corpo Capisco #1 Primo Studio. Oggetto della nuova creazione è la trasmissione: di conoscenza, di strumenti, di modi e di visioni; di esperienze.
La trasmissione da corpo a corpo, meccanismi e alchimie, giocando all’interno della lingua del corpo, con le sue regole, i suoi peculiari modi di comprensione/percezione, tra azione e reazione, attraverso il sentire capire. Agire e osservare, infine essere com-mosso (nel suo senso etimologico, non sentimentale) dal muoversi dell’altro, e così viaggiare in diversi stati della presenza, per empatica risonanza.
Redazione ArtInMovimento Magazine
[Fonte delle immagini: orizzontifestival.it]

More in Cultura

Most popular