“Sempre il mare, uomo libero, amerai”: da oggi al 6 ottobre la 54a edizione del Salone Nautico genovese   

salone genovaTutto pronto, si parte. Genova issa le vele. Il mondo della nautica tutto, e non solo, a osservare.
È un Salone Nautico Internazionale completamente rinnovato, funzionale, intelligente, quello che da oggi, mercoledì 1° ottobre, apre al pubblico nel capoluogo ligure. Un’edizione, ormai la 54a, che è e vuole essere un forte segnale di reazione a fronte delle difficoltà che il settore nautico sta attraversando, e che si aspetta l’aiuto di tutti: città, pubblico, e nondimeno politica.
Il convegno inaugurale della manifestazione nautica più importante del Mediterraneo apre i battenti alle ore 10.00, sulla terrazza del Padiglione B, cui presenzieranno autorità del Governo e locali, e che sarà subito seguito dal primo di numerosi convegni e manifestazioni collaterali. L’Economia della Nautica è infatti il titolo dell’incontro che vedrà riuniti, nella Sala Ucina, i maggiori rappresentanti dell’industria nautica italiana, e a cui prenderanno parte Maurizio Lupi, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Carlo Calenda, Viceministro dello Sviluppo economico, Paola De Micheli, Vice Capogruppo PD alla Camera, nonché Massimo Perotti, Presidente di UCINA Confindustria Nautica. Un incontro che, moderato da Simone Spetia de Il Sole 24 Ore, vuole fare il punto sulle scelte di politica fiscale e di sviluppo dei primi governi europei, più che certo che la nautica, quella italiana in particolare, continuisalone-nautico-genova-2010.jpg_650 a rappresentare uno straordinario motore di sviluppo economico, di cui il Salone è il portavoce più autorevole.
Il programma congressuale è ricchissimo. La mattina del 2 Ottobre il dibattito La Nautica è Turismo sarà un utile confronto tra politica e imprenditori del settore del turismo nautico. Venerdì 3 Ottobre avrà luogo invece un appuntamento per parlare di design – Il design motore di sviluppo – la forma di espressione che sublima la nautica italiana nel mondo. Ma il ricchissimo programma del Salone Nautico Internazionale di Genova, anche quest’anno ospitato nel tradizionale piazzale Kennedy, non vive di sole barche.
La nuova edizione, infatti, mette al centro il visitatore e la sua più grande passione, quella per il mare. Così, oltre al privilegio di assistere alla presentazione degli ultimi gioiellini dell’industria nautica, il visitatore si potrà cimentare in attività sportive, interviste esclusive, dibattiti, approfondimenti economici, mostre di salone nautico ovaledesign. Il design, del resto, sarà l’altro grande protagonista del Salone. La Mostra Ytem, allestita nella Terrazza del Padiglione B, attraverso l’esposizione delle immagini del Secondo leggendario periodo della nautica da diporto italiana (1979 -1999), ripercorrerà la vicenda del Made in Italy nell’industria nautica.
Per la sezione “spettacolo” del Teatro del Mare invece, ruolo privilegiato avrà la musica, col compito di allietare e divertire i visitatori del Salone. Ad esordire alle 17 di oggi è lo spettacolo E la nave va con
Nausicaa, mezzosoprano contralto che esegue un repertorio in chiave jazz. Alle 18.30 poi, il microfono passerà a Naim Abid, artista e frontman di origine iraniana, voce plastica che passa dallo swing al soul, dallo ska alla etno, e che propone lo show Crooner Nights, un tributo al mito Frank Sinatra. Giovedì 2 alle 17 è invece la volta dei Dodecacellos, l’unica vera orchestra di violoncelli in Italia, che eseguirà Ciak si Suona, un repertorio scelto di alcune tra le più belle colonne sonore di film Hollywoodiani.
aldo_ascoleseSegue sabato 4 alle 17 Aldo Ascolese con Da Faber al Cielo, uno dei più amati cantautori genovesi, da molti ritenuto l’erede musicale di Fabrizio de Andrè. Chiude infine domenica 5 alle 17 la rassegna musicale, a cura della Fiera Internazionale della Musica, Andrea Celeste, sofisticata cantante e compositrice di origini toscane, genovese di adozione.
Un’edizione eclettica, un programma imperdibile. Una grande occasione che Genova – dichiara Massimo Perotti – non poteva lasciarsi sfuggire. I numeri poi sono veramente entusiasmanti: 100 novità da vedere, 1.000 barche esposte e 760 marchi rappresentati
Tra stand, palchi e banchine si respirano grande fermento, attesa, voglia di rivalsa. Perché, a volte,  la crisi economica non vince. A volte, l’ottimismo ha la meglio.
Sempre il mare, uomo libero, amerai, perché il mare è tuo specchio! (C. Baudelaire)
Oggi più d’ogni altro giorno insomma, il mare di Genova è uno specchio, il nostro specchio. Genova, la città del grifone, della “baciccia”, di San Giorgio, dei Mille. Oggi però, solo Genova, il gioiello del Mediterraneo.
Giuseppe Parasporo

 

[Fonti delle immagini: genova.mentelocale.it, velaemotore.it, genoaboatshow.com, genova.ogginotizie.it e fimfiera.it]; .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo è il testo del banner.
Maggiori informazioni