artinmovimento.com

Un calcio a un pallone genera energia pulita… Soccket è arrivato fino al mondiale Brasile 2014.

Soccket Ball è un fantastico progetto nato nel 2008 da studenti dell’Università di Harvard, i quali hanno pensato allo sport più popolare al mondo per fornire energia anche alle persone più bisognose nel globo. Il Soccket Ball è una sorte di generatore elettrico portatile, ricoperto da una schiuma bianca speciale che non lo rende molto incline ai rimbalzi. Gli inventori, Jessica Lin, Julia Silverman, Jessica Matthews, Hemali Thakkar e Aviva Presser, ci spiegano che il pallone sfrutta l’energia cinetica, sviluppata dal moto del Soccket, che una volta convertita in energia elettrica sprigiona gli elettroni utili. Si calcola che con mezz’ora…

SOCCKET-SOCCER-BALLSoccket Ball è un fantastico progetto nato nel 2008 da studenti dell’Università di Harvard, i quali hanno pensato allo sport più popolare al mondo per fornire energia anche alle persone più bisognose nel globo.
Il Soccket Ball è una sorte di generatore elettrico portatile, ricoperto da una schiuma bianca speciale che non lo rende molto incline ai rimbalzi.
Gli inventori, Jessica Lin, Julia Silverman, Jessica Matthews, Hemali Thakkar e Aviva Presser, ci spiegano che il pallone sfrutta l’energia cinetica, sviluppata dal moto del Soccket, che una volta convertita in energia elettrica sprigiona gli elettroni utili.
Si calcola che con mezz’ora di palleggi si possa fornire energia sufficiente per accendere una lampadina a led per ben tre ore.
Singolare e simpatica la scelta del nome che fa capir ancor più la scelta del connubio, soccer (calcio) e socket (presa di corrente).
Si stima che 1/5 della popolazione mondiale non abbia ancora elettricità e si alimenti con vecchi sistemi a cherosene o a diesel, con tutte le conseguenze per la salute dovute alle inalazioni di gas tossici.
SOCCKET-BALL-567x400Il progetto, dopo un primo finanziamento privato, è riuscito sgomitando tra le bad news dei media ad arrivare fino ai Mondiali Fifa 2014, ottenendo una considerevole visibilità.
L’obiettivo è farlo conoscere il più possibile e generare energia nei posti più poveri del mondo, come, ad esempio, le favelas in Brasile appunto.
Stando alle notizie attuali, il 2015 dovrebbe essere l’anno di svolta di questo progetto durante il summit per l’utilizzo di energia non nociva tra Obama e i presidenti africani.
Visto che ormai il calcio è ridotto a un affare di business, siamo contenti che con questa invenzione si possa fornire energia a tutti divertendosi.
Il gioco dei bambini nei villaggi poveri sarà utile per aiutare le famiglie e salvaguardare il pianeta.
Adriano Cirillo

 

[Fonti delle immagini: gearculture.com, strambotix.com e useoftechnology.com]

More in Cultura

More in Operissima

Most popular

Most popular