Warning: filemtime(): stat failed for https://www.artinmovimento.com/wp-content/themes/report/css/main.scss.php in /web/htdocs/www.artinmovimento.com/home/wp-content/themes/report/functions/wp-sass/wp-sass.php on line 127

artinmovimento.com

“Tosca” di Puccini, il terzo appuntamento del Regio Opera Festival

Tosca_regio3

Il terzo appuntamento con l’opera al Regio Opera Festival, in scena martedì 5, giovedì 7 e domenica 10 luglio, alle ore 21.00, presso il Cortile di Palazzo Arsenale, è rappresentato da Tosca, melodramma in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa dal dramma La Tosca di Victorien Sardou. Una tragedia di passioni violente, una storia di potere e inganni, di riscatto femminile – non si era mai vista all’opera una donna vincere il ricatto di uno sbirro – travolto da un destino fatale. Puccini compie un salto in avanti componendo uno struggente capolavoro che sarà…

Tosca_regio2Il terzo appuntamento con l’opera al Regio Opera Festival, in scena martedì 5, giovedì 7 e domenica 10 luglio, alle ore 21.00, presso il Cortile di Palazzo Arsenale, è rappresentato da Tosca, melodramma in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa dal dramma La Tosca di Victorien Sardou.
Una tragedia di passioni violente, una storia di potere e inganni, di riscatto femminile – non si era mai vista all’opera una donna vincere il ricatto di uno sbirro – travolto da un destino fatale. Puccini Tosca_regio1compie un salto in avanti componendo uno struggente capolavoro che sarà diretto a Torino dal direttore Stefano Ranzani che guiderà l’Orchestra, il Coro e il Coro di voci bianche del Regio di Torino, rispettivamente istruiti dal maestro Andrea Secchi e dal maestro Claudio Fenoglio. Maria Agresta e Giorgio Berrugi vestiranno i panni di Floria Tosca e Mario Cavaradossi, Scarpia sarà interpretato da Elchin Azizov. Il nuovo allestimento è fieramente Made in Regio, avvalendosi della regia di Vittorio Borrelli, per 30 anni Direttore di scena del Teatro, delle scene di Claudia Boasso e dei costumi di Laura Viglione. Le luci sono di Christian Zucaro.
Stefano_RanzaniMilanese di nascita, Stefano Ranzani è attualmente uno dei direttori più affermati nel panorama internazionale, in particolare per il repertorio operistico, italiano e non solo, ed è ospite regolare delle più importanti istituzioni musicali del mondo, fra le quali Teatro alla Scala, Metropolitan di New York, Opéra National de Paris, Wiener Staatsoper, Washington Opera, Liceu de Barcelona, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Colón di Buenos Aires, Deutsche Oper e Staatsoper di Berlino, Opernhaus di Zurigo, Bayerische Staatsoper di Monaco, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro dell’Opera di Roma.
Vittorio Borrelli è lo “storico” direttore di scena del Regio, assistente alla regia, regista di ripresa e regista in alcuni fra i più importanti teatri vittorio-borrellilirici, in Italia e all’estero. Ha lavorato al fianco di professionisti di grande spessore, quali Luca Ronconi, Pier Luigi Pizzi, Ettore Scola, William Friedkin, Sylvano Bussotti, Robert Carsen, Hugo de Ana e Michele Placido per citarne solo alcuni. Con queste parole, Borrelli racconta l’idea della sua regia: Tosca, dramma della gelosia, del sospetto e del tradimento. I tre ambienti dell’azione scenica sono immediatamente identificabili per quanto stilizzati, e in questi spazi si muovono i protagonisti, praticamente prigionieri del proprio ruolo, con una teatralità quasi da eroi e anti-eroi del cinema muto. La chiesa di Sant’Andrea della Valle diventa così il palcoscenico di una rappresentazione sacra, con il Coro che nel Te Deum diventa esso stesso icona di Santi e Martiri; la stanza di Palazzo Farnese si trasfigura in una sorta di macelleria umana, per il godimento di uno Scarpia sempre in equilibrio tra lussuria e violenza. E infine Castel Sant’Angelo, dove si consuma l’ennesimo tradimento, e dove alla fine tutti sono vittime delle proprie passioni e dei propri impulsi incontrollabili. Le scene disegnate da Claudia Boasso, duttili e snelle, pensate per un palcoscenico “estivo”, fanno da cassa di risonanza alla forte valenza pittorica della musica pucciniana, conducendo lo spettatore nella Roma papalina: la cupola di Sant’Andrea della Valle, Palazzo Farnese, fino al tragico epilogo a Castel Sant’Angelo, dove lo stemma papale fa da sfondo – letterale e simbolico – alla morte di Tosca.
agrestamariaUna delle opere più amate di sempre, Tosca nel 1900 fu una rivoluzione, aprendo una nuova pagina dell’opera italiana e la strada a un Puccini ormai del tutto maturo, maestro nel dipingere musicalmente un ambiente che non fa solo da sfondo, bensì da motore al dramma stesso: la Roma del 1800, dominata dalla crudele polizia vaticana, tra bigottismo, violenza e fasto. Sullo sfondo, la battaglia di Marengo, Napoleone e le tensioni politiche dei repubblicani.
Illica e Giacosa delineano un impianto drammatico perfetto, con unità di tempo, luogo e azione. Nel libretto, in tre atti, la velocità d’azione e la costante tensione drammatica lasciano spazio al Puccini melodico delle grandi arie – tra le più belle della storia dell’opera – e all’intensberrugi-giorgioalessandro-moggia caratterizzazione psicologica dei personaggi, sottolineata dalla finezza nell’uso dei temi conduttori.
Floria Tosca, primadonna di teatro eppure così genuina nel mostrare le sue passioni – amore, odio e gelosia che la porteranno alla tragedia – sarà interpretata dalla limpida e sicura voce di Maria Agresta, la quale ha riscosso i primi grandi consensi di pubblico e critica proprio al Regio con I Vespri siciliani nel 2011, forte di un’espressività che si coniuga con la tecnica sopraffina e con un’emissione calibratissima. Graditissimo ritorno è anche quello di Giorgio Berrugi, che interpreta l’impetuoso Mario Cavaradossi. Berrugi, nominato da Plácido Domingo come uno dei suoi eredi, è uno dei tenori più apprezzati di oggi per il suo inconfondibile, caldo suono italiano, la sua eccezionale musicalità e le nuances espressive delle sue interpretazioni, che sapranno rendere al meglio l’impervia parte vocale pucciniana, che spazia dagli slanci romantici ed eroici al lirico struggimento di E lucevan le stelle. Completano l’eccezionale cast: il già citato baritono Elchin Azizov, nei panni di Vitellio ScarpiaDonato Di Gioia (il sagrestano), Enzo Peroni (Spoletta), Enrico Di Geronimo (Angelotti), Lorenzo Battagion (Sciarrone) e Riccardo Mattiotto (un carceriere). Il pastorello è interpretato dalla voce bianca Viola Contartese.
Un evento da non perdere.
Redazione di ArtInMovimento Magazine

More in Cultura

Most popular